Buone elezioni a tutti!

La campagna elettorale è un fenomeno umano complesso.

È una bolla temporanea di esistenza caratterizzata, per chi vi prende parte, dalle forme peggiori di abbrutimento, dalla rinuncia incondizionata alla dignità, dall’inseguimento di effimeri refoli di potere, dalla bava alla bocca per un posto di lavoro senza lavorare, dal sogno di primeggiare sulla moltitudine valendo meno dell’ultimo scemo della moltitudine.

Per chi non vi prende parte, se non da spettatore passivo, è una bolla temporanea di esistenza che attiene principalmente all’esercizio della tolleranza, della carità umana, della misericordia cristiana per il tuo amico resosi improvvisamente irriconoscibile, detestabile, storpio.

Tutte doti che io non possiedo, che gli Dei non mi hanno concesso.


Quindi se dopo le elezioni vi incontro per strada e vi sputo in faccia non è per cattiveria ma semplicemente perché sono un essere semplice e non mi è data la capacità di suddividere l’esistenza in bolle di eticità temporanea e resettabile.


Buone elezioni a tutti!


Siete talmente volgari e insignificanti che, se fosse per me quadruplicherei i posti di consigliere regionale, vi farei entrare tutti, proprio tutti, vi raddoppierei lo stipendio e il vitalizio.

Sestuplicherei i posti da governatore, farei governatore ogni candidato che si candida, tutti insieme in un sextumvirato, in un eptaumvirato o in un decumvirato di pupazzi che dicono le stesse cose, che sbavano per le stesse cose, che hanno la stessa identica non-visione del mondo.

Vi riempirei giunta e consiglio di escort col culetto a mandolino e tette di gomma pagate con un’aumentino della Tari e un ritocchino al bilancio, solo per farvi sentire più uomini.
In poche parole vi farei affogare nei vostri dozzinali desideri.
Sono il vostro migliore amico e alleato… (se solo avrete l’accortezza di non farvi incontrare la notte in un vicolo buio senza testimoni).
Buone elezioni.

Antonio Musa Bottero

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather