CAT-CALLING

CAT-CALLING

In questi giorni, direttamente da Torvaianica, è venuta a trovarmi mia cugina Miriam.
Oggi abbiamo pranzato ad un barbecue abusivo infrattati in un bosco, poi ci siamo diretti verso casa.
Mentre passeggiavamo, nei pressi di un ponte, due loschi figuri di evidenti origini albanesi si sono appropinquati a noi emettendo un fischio prolungato.
“Ah bon*!!! Ah quanto sei gnocc*!”
Subito in quel triviale richiamo ho riconosciuto i segni inequivocabili del cat-calling e, da maschio protettivo ed italico quale sono, sono scattato per difendere l’onorabilità di mia cugina.
– “Ma porcoddue, che cazzo state facendo? Il vostro è cat-calling bello e buono, ma ve ne rendete conto sant’Iddio?! Io vi denunzio alla Procura della Repubblica, zingari di merda!”
Se mia cugina Miriam non mi avesse dissuaso, li avrei ammazzati seduta stante quei due manigoldi che, impauriti, hanno iniziato a farfugliare frasi incomprensibili in un italiano più stentato di quello di Di Maio per poi scappare a gambe levate.
Miriam nel frattempo mi si è avvicinata e mi ha preso da parte con piglio socratico.
– “Ah Piè, ascolta a me… Te vojo di’ una cosa su sta cazzata ipocrita der cat-calling”
– “Dimmi Miriam. Ti vedo accigliata…”
– “Non vojo generalizzà, ma avrai notato che le paladine der cat-calling sono spesso influencer con migliaia di follower su Instagram, che pubblicano ogni 30 secondi foto mignottesche in costume da bagno con le zinne de fuori e che c’hanno due lauree, tre master e una famiglia danarosa alle spalle”.
– “Non ti seguo mia cara Miriam. Questo non giustifica certo nessuno a fare apprezzamenti sessisti!”
– “No certo. Però manco a dì che chi non ci ha avuto il privilegio de ricevere un’educazione e ha letto due libri in croce in vita sua perché sta 8 ore al giorno a lavorà in fabbrica deve venì accusato de fattispecie penali da quella stessa genìa de persone, tipo Chiara Ferragni, che ha contribuito a sdoganà er sistema culturale de la donna oggetto cor fisico perfetto da tenè in vetrina… Capisci che è ‘na cosa un tantinello schizofrenica? ‘sto femminismo turbo-capitalista me dà er voltastomaco…”.
Ancora una volta mia cugina mi ha dato una lezione di vita che conserverò tra gli insegnamenti più preziosi fino al prossimo post di Fedez o della Ferragni.
Piero Tomaselli
Please follow and like us:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather