Chi non legge non seduce!

Non ho mai bevuto un aperitivo letterario ma ho come il sospetto di aver letto molti più libri della maggior parte dei partecipanti agli aperitivi letterari.
Sì, lo so, non c’entra niente, si va agli aperitivi letterari per allargare le possibilità di scopata, chiaro… ma sappiate che anche leggerli, i libri, moltiplica tremendamente le possibilità di scopata, eh!

Il mio consiglio è che ogni tanto ve ne usciate da quei locali alla moda, togliate quella camicina bianca attillata da quel pancino tondo, quel bicchiere di vino bianco d.o.c. ghiacciato dalle mani, quello sguardo da Tim Roth sparato a bomba e torniate a casa, vi mettiate in mutande comprate all’HarDis, vi arrostiate quelle meravigliose sardine pagate 3 euro alla chiusura del mercato di San Benedetto, vi versiate un bicchiere di vino rosso sfuso di cantina e, finalmente, adagiati su un divano di seconda mano, ve lo leggiate davvero un buon libro.
Vi garantisco risultati esaltanti (sempre rimanendo nel campo della finalità escatologica (o se preferite scatologica) che più vi è cara… della scopata, insomma… ché di letteratura, alla fine, non ce ne fotte niente a nessuno, si sa).

Antonio Musa Bottero

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail