Ciao Salvatore, come stai?

“Salvatore come stai?
Mi hai tolto l’amicizia?
Davvero?
Allora?
Cioè non hai niente da dire a proposito?
Peccato, di sicuro avrai le tue ragioni.
D’altronde frequentare quella merda di Mimmo e inebriato dei successi che ha portato alla galleria t’avrà “infettato” (passami il termine di moda).
Comunque nessun problema ci mancherebbe, di sicuro ti senti meglio a frequentare certa gente.”
Lo scrive privatamente un curatore d’arte contemporanea che lavora negli Emirati Arabi a Salvatore Iacono, l’oggetto del contendere è ovviamente il suo sostegno incondizionato a sostegno del mio lavoro e della mia ricerca, la premessa è che sono mesi che scrive a Salvatore dequalificando il mio lavoro e la mia professionalità, ragion per cui questa volta non ho resistito e gli ho risposto, dovesse proseguire rivelerò il suo nome pubblicamente e non escludo una rivalsa legale nei suoi confronti, dal momento che interferire in questa modalità nella relazione gallerista-artista lo trovo quantomeno lesivo, oggi gli ho scritto però due parole in privato, magari mi chiede scusa.
Please follow and like us:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather