#Coscienzacreativa #Decimoputzu #Villaspeciosa

#Decimoputzu #Villaspeciosa

“Uno studente di un qualsiasi Liceo, ha lo stesso profilo in uscita a prescindere dall’indirizzo.

Che uno studente decida di frequentare un Liceo a indirizzo Artistico, Musicale, Classico, Scientifico, Pedagogico o sportivo, nel nome del monte ore di formazione comune, alla fine del percorso formativo, possederà un profilo d’uscita che gli consentirà, qualora lo volesse, di potere accedere a qualsiasi percorso di formazione universale.

Il problema reale è, nell’ambito della formazione Liceale: qual’è l’indirizzo che può appassionarmi di più?

Dico questo perché c’è soltanto una cosa che garantisce il percorso formativo dello studente, che si appassioni e senta un percorso di studio, altrimenti come possedere un metodo di studio che aiuti continuamente a orientarsi nella vita?

Uno studente che non s’appassiona a un percorso di studio, nella migliore delle ipotesi, si ritroverà un diploma di cui non saprà cosa fare, nella peggiore abbandonerà il percorso di studio perché capirà solo dopo non essere stimolante per lui (tristemente questa è l’isola con il tasso d’abbandono e di dispersione scolastica più altro d’Europa nella scuola media superiore).

Il nostro Liceo nelle ore d’indirizzo è strutturato per alimentare coscienze creative, e pensateci un attimo: quanto è importante la creatività oggi in qualsiasi professionalità?

Quanto sarebbe scontata la nostra vita senza creatività quotidiana nel risolvere e affrontare problemi in maniera non omologata e standardizzata?

Senza processo creativo non c’è ricerca scientifica?

C’avete mai pensato?”.