Family Festival Wo.Men 2019 #AccademiaaCagliari

Family Festival Wo.Men 2019

Osserviamo i movimenti del pensiero con grande passione.

È evidente che negli ultimi tempi una nuova rivoluzione femminista stia prendendo piede, basta pensare alle “Pussy Riot” in Russia un paese estremamente conservatore, fino al “nuovo matriarcato” che si è sviluppato sotto i nostri occhi in Sardegna.

In molti paesi è nato e cresciuto un nuovo pensiero critico, che va oltre il diritto alle “pari opportunità”, ma rivendica una posizione centrale del femminile all’interno della società.

Animate dalla curiosità che ci caratterizza e dopo anni di dibattiti sull’argomento, quest’anno abbiamo deciso di sentire la voce degli uomini. In un ideale sociale che prevede inclusione e collaborazione, ci piacerebbe lasciare spazio ad autorevoli e innovative voci maschili, per comprendere il loro punto di vista.

Abbiamo visto in questi anni, non solo uomini legati alla tradizione decisi a contrastare la nuova rivoluzione femminista, ma anche uomini talvolta spaventati e che si sono sentiti incompresi; e insieme a loro, uomini femministi che sposano la causa e uomini che pur mantenendo la loro identità maschile, vogliono mettersi accanto alle donne per costruire un nuovo tessuto sociale che trovi un equilibrio tra le parti e dia a tutti la possibilità di essere centrali nella società, di coprire gli stessi ruoli e di essere riconosciuti tangibilmente in maniera egualitaria.

Ci piace esplorare, parlare e crescere insieme al nostro pubblico, attivo collaboratore.

Siamo donne che da sempre ricercano la libertà di manifestare il proprio pensiero e di esporlo alla critica.

Vogliamo camminare in un mondo fatto di uomini e donne che si rispettano e che dialogano, qualsiasi sia il mezzo per arrivarci.

Non ci stancheremo mai di lottare per quello in cui crediamo, al di là della censura, dei ben pensanti, della politica e dei giudizi di chi osserva senza guardare veramente.

Noi cerchiamo di scavare negli abissi dell’animo umano attraverso la nostra ricerca, pensandola come uno stetoscopio dell’anima che, se stimolata, è in grado di portare in luce i più reconditi misteri; questo strumento lo applichiamo a qualsiasi cosa facciamo, sia essa una produzione teatrale, un “pezzo comico” o un festival in cui ospitiamo compagnie teatrali e illustri personalità. Crediamo nella collaborazione, nella condivisione, e non ci abbandoniamo l’idea di voler curare un mondo malato.

Tiziana Troja e Michela Sale Musio

IL PROGRAMMA

L’edizione del Family Festival Wo.Men 2019 ospita uomini che raccontano le donne, primo tra tutti Vito Mancuso con una lectio magistralis sui temi oggetto del suo ultimo libro “La via della bellezza”, la sua serata è introdotta da Vito Biolchini giornalista e presidente di LucidoSottile.

Reduce dalla recentissima partecipazione all’InScena Festival di New York, Lucidosottile proprorrà al pubblico del Family “Spanker Machine”, scritto e diretto da Tiziana Troja e interpretato da Michela Sale Musio.

Con “Abracadabra” dedicato alla figura di Mario Mieli, Irene Serini, straordinaria interprete dello spettacolo, apre il dibattito sul gender, interpretando un ruolo fortemente in bilico tra il “maschile” e il femminile. La questione di genere viene affrontata anche da Mattia Berto e Arianna Novaga nello spettacolo “Death in/of Venice 2.0 Act 1_Tazio Sexting”.

Monica Nappo andrà in scena insieme a Gaia Saitta portando i frutti della residenza artistica, prodotta negli spazi dell’ExArt, con “Ida & Ida” lo spettacolo liberamente tratto dal romanzo “Ida” di Gertrude Stain, scrittrice e poetessa statunitense apertamentelesbica, la sua relazione praticamente “matrimoniale” con Alice Toklas è una delle più celebri della storia LGBT.

Con “Ogni bellissima cosa” Monica Nappo regista e traduttrice dello spettacolo, porta in scena l’attore Carlo De Ruggieri, “un gioco per bambini che serve anche agli adulti per apprezzare la vita.”

In “Alfonsina Pancia Vuota” Fabio Marceddu interpreta un ruolo tutto al femminile per parlare della resilienza delle donne del secondo dopoguerra. In “Teresa. Ovvero ciò che il pesce non disse” Valentina Fadda (regista e interprete) e Angelo Trofa (in un ruolo femminile) proseguono la digressione sull’identità di genere, calando Trofa nella parte riuscitissima di Teresa, protagonista dello spettacolo.

“Family Hard” la sezione del festival legata alla StandUp Comedy, vede in scena Alessandro Cappai e Massimiliano Puddu, che raccontano il mondo delle donne con voce scanzonata, irriverente e dissacrante.

Manuela Bollani è la speciale interprete del racconto musicato scritto e diretto da lei stessa e musicato da Gabriele Landucci “C’era una svolta”. Lo spettacolo racconta l’universo femminile ribaltando gli stereotipi, convinta che le principesse non sono per forza brave bambine e le matrigne cattive maestre…e non è detto che il principe azzurro sia la nostra più grande fortuna!

Kor vocal ensamble, coro vocale a cappella, sarà protagonista del concerto di apertura del festival, poponendo un percorso musicale molto divertente che ci porterà ad esplorare il mondo maschile legato alla tradizione (anche quella musicale).

Maurizio Temporin presenterà il suo libro “Arcana, il castello dei destini sbagliati” scritto con Tiziana Troja, edito da Mondadori.

“I tarocchi sono sempre stati usati per conoscere il futuro, ma se qualcuno sapesse usarli per cambiare il passato?”. I tarocchi ci narrano gli archetipi del maschile e del femminile, quale miglior digressione se non quella di riappropriarci dell’origine partendo dalle figure archetipiche.

Sarà con noi anche un mentore sovversivo: Fabrizio Cotza, che racconterà il suo libro “Imprenditori sovversivi” facendo il punto sulle Imprenditrici, con la sua personale esperienza di consulenza e di crescita insieme a tantissime donne legate al mondo dell’imprenditoria, donne di potere che coprono ruoli da sempre riservati all’universo maschile.

Il poeta Andrea Melis, con il suo libro “Piccole tracce di vita” (Feltrinelli) regala al festival la parte più sensibile di ogni uomo, spostando lo sguardo su un mondo maschile fatto di sensibilità e attenzione per le donne.

Roberta Patrizia Giannotte con il suo libro “La finestra al sole” ci racconta la storia di un uomo, un avvocato, che si trova a difendere la causa di una ragazza sposata con un rom.

Vanessa Podda con la sua raccolta di poesie “maledetta la tua bocca, maledetta!” ci racconta di un mondo femminile, libero, ribelle, maleducato, sensibile e ironico.

Il gruppo Giulia Giornaliste curerà i dibattiti sul tema del maschile che affronta il “nuovo femminismo”, insieme a Roberta Celot e Alessandra Addari che intervisterà Silvia Rosa Brusin giornalista Rai (Leonardo, TG Scienza e Ambiente).

Ma ci saranno anche altri appuntamenti per gli studenti del liceo Foiso Fois, con gli artisti del festival, partecipi della “Rivolta culturale dell’accademia di Bella Arti a Cagliari” curata dal professor Domenico Di Caterino. Tra questi, l’appuntamnto degli studenti con l’illustratrice AnnC Pacunayen che incontra gli studenti del liceo artistico di Cagliari Foiso Fois, con la presentazione della fanfiction dello spettacolo “Spanker Machine”.

Spettacolo che in occasione del Family Festival farà da ponte tra Cagliari, New York e Madrid facendosi portavoce dei principi del festival che da Cagliari chiama e invia messaggi di rinascita culturale e di dibattito aperto sulle questioni di genere e sui “nuovi uomini”.

Venerdì 24 maggio
All’ExART
Ore 18:00
“A Kor leggero”
Aperitivo di apertura del festival insieme a Kor Vocal Ensamble Ingresso gratuito

Ore 19:00
Fabrizio Cotza presenta il suo libro “Imprenditori sovversivi”
Ingresso gratuito

Ore 21:00
“Teresa. Ovvero ciò che il pesce non disse” Di e con Valentina Fadda e Angelo Trofa Regia Valentina Fadda
Produzione Batisfera Teatro
Ingresso 10 euro

Sabato 25 maggio
All’ExART
Ore 21:00
“Family Hard”
Con Alessandro Cappai e Massimiliano Puddu di StandUp Comedy Sardegna

Presentano Le Lucide V.M. 18
Ingresso 5 euro

Domenica 26 maggio
All’ExART
Ore 18:30
Presentazione del libro “La finestra al sole” di Roberta Patrizia Giannotte

In conversazione con Vito Biolchini Ingresso gratuito

Ore 21:00
“Spanker Machine”
Con Michela Sale Musio
Scritto e diretto da Tiziana Troja Produzione Lucidosottile Ingresso 10 euro

Lunedì 27 maggio
All’ExART
Ore 19:00
Presentazione del libro “Piccole tracce di vita” di Andrea Melis

In conversazione con Vito Biolchini Partecipano Le Lucide
Ingresso gratuito

Martedì 28 maggio
All’EX Art

Ore 11:00
Monica Nappo e Gaia Saitta incontrano il Liceo Foiso Fois

Mercoledì 29 maggio
Al Liceo Artistico di Cagliari
Ore 11:00

Maurizio Temporin e AnnC Pacunayen incontrano il Liceo Foiso Fois

All’ExArt
Ore 18:30
Presentazione del libro “Arcana” di Maurizio Temporin, scritto con Tiziana Troja In conversazione con Joe Bastardi
Ingresso gratuito

Ore 20:00
Presentazione del libro “Maledetta la tua bocca, maledetta!” di Vanessa Podda In conversazione con Andrea Garau
Ingresso gratuito

Giovedì 30 maggio
All’ExART
Ore 19:00
“Alfonsina Pancia Vuota”
Di e con Fabio Marceddu
Ideazione scenica e regia Antonello Murgia Produzione Teatro dallarmadio per il progetto SEI
In collaborazione con Exma Exhibiting and Moving Arts Ingresso 10 euro

Al Jazzino
Ore 21:00
“C’era una svolta”
Scritto, diretto e interpretato da Manuela Bollani Al pianoforte Gabriele Landucci
Ingresso 10 euro

Venerdì 31 maggio
All’ExART
Ore 18:00
“La via della bellezza”: lectio magistralis di Vito Mancuso Introduce la serata Vito Biolchini

Ingresso gratuito

Ore 21:00
“Abracadabra: incantesimi di Mario Mieli”
Di e con Irene Serini
Produzione Maurizio Guagnetti e Irene Serini in collaborazione con Teatro Out Off Ingresso 10 euro

Ore 22:00
“Gender Family”
Irene Serini, Mattia Berto, Gianluca Bozzale, Le Lucide e Barbara Tetti in conversazione con Carlo Cotza e Vito Biolchini
Ingresso gratuito

Sabato 1° giugno
All’ExART
Ore 18:00
Dibattito Giulia Giornaliste Sardegna Ingresso gratuito

Ore 21:00
“Ida & Ida”
Di e con Monica Nappo e Gaia Saitta Esito di ResidExART
Ingresso 10 euro

Ore 22:00
“Death in/of Venice 2.0
Act 1_Tazio Sexting”
Di Mattia Berto e Arianna Novaga
Con Gianluca Bozzale e Yoshitaka Niinomi e un film di Andrea Santini
Regia Mattia Berto
Produzione Mpg Cultura
Ingresso gratuito

Domenica 2 giugno
All’ExART
Ore 18:00
Dibattito G.I.U.L.I.A.
Silvia Rosa Brusin in conversazione con Alessandra Addari coordinatrice Giulia Giornaliste Sardegna

Ingresso gratuito

Ore 21:00
“Ogni bellissima cosa”
di Duncan Macmillan
Con Carlo De Ruggieri
Traduzione e regia di Monica Nappo Produzione Nutrimenti Terrestri Ingresso 10 euro

ExART
Piazzetta Dettori, 9

Jazzino
Via Carloforte, 74

Da inserire:
Sito web www.lucidosottile.comFacebook Family Festival
Instagram Le Lucide di Lucidosottile

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather