Fascismo e Antifascismo nel terzo millennio!

LA ZUFFA ANTIFASCISTA

Quando uno è in cerca di visibilità pubblica – perché la visibilità non è mai abbastanza per i coglioni – dicevo, quando uno è in cerca di visibilità pubblica non c’è niente di meglio che la zuffa intellettuale coi fascisti.

La zuffa intellettuale col fascista ti colloca immediatamente nell’alveo dell’antifascista, alveo da cui puoi fare i cazzi che vuoi, puoi dire le stronzate che vuoi, puoi cadere più in basso della merda dei barboncini, ché tanto sei protetto dall’alveo.


E da questo alveo protetto, nella veste splendente dell’antifascista, puoi iniziare la scalata alla visibilità pubblica protetto dagli applausi di migliaia di altri coglioni come te.

Il meccanismo è molto semplice, non si può sbagliare, il processo è legato alle leggi del determinismo più rigido con la certezza matematica che alla causa seguirà un effetto sempre uguale.


Badate, però, cari coglioni in cerca di visibilità pubblica, la comunicazione è molto importante, il linguaggio, i tempi, il ritmo dell’attacco antifascista, tutte cose fondamentali per la riuscita della vostra visibilità pubblica.

Perciò non dimenticate mai che il fascista è più coglione di voi.

Sì, lo so, vi può sembrare impossibile ma è molto più coglione di voi, perciò dal vostro livello di barboncini dovete necessariamente abbassarvi a livello della merda dei barboncini.
Ma passiamo alla pratica, facciamo un esempio di come deve essere condotta una zuffa intellettuale antifascista.
Per esempio potete iniziare subito con un concetto diretto, chiaro, inequivocabile tipo:

“Cacca!”

il fascista vi risponderà immediatamente con:

“Pipì!”

voi, senza esitare, incalzate con:

“Palline di moccio!”

e lui seguirà con:

“Sputo nell’occhio!”

… e così via… una volta avviata, la zuffa intellettuale antifascista praticamente va da sola.

In men che non si dica migliaia di coglioni come voi e altre migliaia di coglioni più di voi faranno da cassa di risonanza e la vostra visibilità pubblica sarà assicurata.

Ora cari signore e signori vi salutiamo, ricordandovi che oggi si è parlato di:

FASCISMO E ANTIFASCISMO NEL III MILLENNIO

Sipario!

Antonio Musa Bottero

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail