Giorgio Corso, “Micro e Macro”

Giorgio Corso, “Micro e Macro”
 
1 Luglio – 1 Agosto
 
Sciusciante, Ottaviano
 
L’artista che ho segnalato a Michele Franzese, imprenditore, promotore e collezionista d’arte contemporanea, per la sua attività Sciusciante a Ottaviano, è Giorgio Corso.
Non conosco Giorgio Corso di persona, da qualche anno per me è diventato un imperativo non conoscere e dialogare il meno possibile con altri artisti, in questa modalità evito giudicare tutto ciò che non riguarda l’arte in quanto ricerca linguistica.
Conosco la pittura di Giorgio Corso, con la quale mi sono relazionato, si tratta di pittura seria, si tratta di studio della pittura e della sua grammatica, si tratta di pittura che si confronta con ciò che è stata la pittura a partire dalle avanguardie per strutturare senso nella propria grammatica pittorica.
La pittura di Giorgio Corso non è mestiere e non è tecnica, è studio della pittura con la pittura, in cerca di compostezza, armonia ed equilibrio inseguendo l’equazione algoritmica che dal micro al macro della superficie dei suoi quadri riveli che la pittura è sempre e solo pittura e in quanto tale è croce e delizia di chiunque con lei si relazioni, perché sempre rivelatrice di quella sensorialità che ci illude d’essere al centro dell’universo che determiniamo e creiamo.