Guido Cabib: “Il Matronato del…Museo Madre”.

Riportiamo la critica/denuncia nel gallerista internazionale Guido Cabib, da sempre su questa webzine evidenziamo come le politiche culturali ed artistiche pubbliche debbano distinguersi da quelle private e non diventare oggetto speculativo a scopo di lucro tramite “addetti ai lavori” free lance” e part time che curano i loro interessi privati.

Napoli, realtà dalla quale lo scrivente, come Guido Cabib, proviene,  con i suoi operatori culturali ed artistici da tempo è incapace di scindere tra pubblico e privato.

Urgenza politica nazionale sarebbe quella di scindere tra gli “addetti ai lavori” istituzionali e i free lance che traghettano fondi al privato.

Nel pubblico servono figure istituzionali pubbliche che sappiano curare gli interessi della comunità, bisogna guardare oltre il Madre e oltre il Mare…

“Il Matronato del …..Museo MADRE 


Questa attività del “Madre” mi disgusta, ma ciò che mi fa incazzare seriamente è l’accettazione passiva che la collettività artistica napoletana ha verso queste oscene e misere attività di una istituzione pubblica locale che ha come scopo quello di promuovere e divulgare i linguaggi artistici presso la collettività che la finanzia con le proprie tasse!
I Borboni non se ne sono mai andati da Napoli e dal Sud!

Festa Farina e Forca!

 

12316596_10153484725353101_1140607951928145924_n

Inammissibile !
Qual’è il progetto divulgativo e formativo che il curatore/curatori ha/hanno presentato alla collettività che lo/li stipendia/no?

Guardiamo come sono stati spesi milioni di euro che l’amministrazione ha erogato attraverso le mostre che Il Madre ha prodotto sino ad oggi:

1017351_622272871117591_1070387437_n


Artisti:


Ori Gersht (Israel 1967) Courtesy Brand New Gallery.
Thomas Bayrle (Berlino, 1937) Courtesy Thomas Bayrle / Hans Widauer.
Mario Garcia Torres (Monclova, 1975) Courtesy the artist and Jan Mot, Brussels / Mexico City
Giulia Piscitelli (Napoli, 1965) Courtesy the artist and Galleria Fonti, Napoli. 
Vettor Pisani (Bari, 1934- Roma, 2011)
Pádraig Timoney (Derry, 1968) che vive e lavora a New York. Courtesy l’artista, Andrew Kreps Gallery, New York e Galleria Raucci/Santamaria, Napoli.
Ettore Spalletti,
Francis Alÿs (1959, Anversa, Belgio) Courtesy l’artista; David Zwirner, New York-London.
Walid Raad (Chbanieh, Libano 1967),Courtesy l’artista e Galerie Sfeir-Semler, Beirut/Amburgo.
Daniel Buren (Boulogne-Villancourt, 1938) Courtesy l’artista; Galleria Continua, San Gimignano, Beijing, Les Moulins, La Habana e Studio Trisorio, Napoli. 
Sturtevant (1924-2014) Estate Sturtevant, Paris. Courtesy Galerie Thaddaeus Ropac, Paris-Salzburg.
Mark Leckey(Birkenhead, 1964),Courtesy l’artista; Cabinet, London; Gavin Brown’s enterprise, New York; Galerie Buchholz, Berlin/Köln
Marco Bagnoli (Empoli)
Boris Mikhailov (Kharkov, 1938)Courtesy l’artista; Guido Costa Projects, Torino; Sprovieri Gallery, London.


Curatori in ordine da Gersht in poi:


Ludovica Lumer
DEVRIM BAYAR, ANDREA VILIANI
Andrea Villani
Andrea Villani e Eugenio Viola
Andrea Viliani ed Eugenio Viola
Alessandro Rabottini
DANILO ECCHER, ANNA MATTIROLO, ANDREA VILIANI E ALESSANDRO RABOTTINI
ANDREA VILIANI, EUGENIO VIOLA
ALESSANDRO RABOTTINI, ANDREA VILIANI
ANDREA VILIANI, EUGENIO VIOLA
STÉPHANIE MOISDON
ELENA FILIPOVIC, ANDREA VILIANI
ACHILLE BONITO OLIVA
ANDREA VILIANI, EUGENIO VIOLA


Ora domando qual’è il progetto culturale di questa Istituzione pubblica?
Un Unico artista che vive e lavora a Napoli in tre anni!
Non c’è alcuna relazione, ne storica, ne formativa, ne sperimentale ne filosofica e ne temporale, tantomeno territoriale che lega questi ottimi artisti!

Cosa c’è allora? 

Perché la collettività artistica costituta da ottimi artisti locali e del sud italia non è presente nemmeno in un confronto?

Perché ci si accontenta di una pagliacciata come il Matronato?
Forse perchè la carriera di queste figure curatoriali si alimenta di cortesie e scambi?

Se ho ragione i cittadini della Regione Campania hanno sponsorizzato questa carriera con le proprie tasche!
Ma come è possibile nel 2015 essere ancora vassalli di sciacalli??
Sono sbalordito e depresso.

Guido Cabib

 

Please follow and like us:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather