IL BUIO E LA SPERANZA

IL BUIO E LA SPERANZA

IL governo nazional/populista ha proposto, varato o vuole varare i seguenti provvedimenti:

– La chiusura dei porti ai migranti e, se riescono a sbarcare, il loro internamento fino a sei mesi.

Inoltre, la riduzione della loro diaria da 35 a 20 Euro.

La giustizia fai da te.

Se uno si sente turbato, perché qualcuno gli entra in casa, ha licenza di ucciderlo e può essere assolto per legittima difesa.

Abolizione della protezione umanitaria, restrizione del diritto d’asilo, allungamento dei termini per la concessione della cittadinanza, da due a quattro anni, e potenziamento delle attività di polizia, che ora può sgomberare a piacimento centri sociali, locali e terreni occupati dai poveri, ma non i fascisti di Casa Pound.


Ampliamento delle impunità di fatto per evasori fiscali e abusivi.
La revoca della cittadinanza per i condannati per terrorismo ed “eversione “, il che significa per tutto e nulla.


Elargizione, con il nome truffaldino di reddito di cittadinanza, di un sussidio di povertà soggetto a restrizioni e procedure umilianti, tra cui il controllo morale su come viene speso, oltre alla imposizione di prestazioni lavorative coatte sotto il nome di lavori socialmente utili.

Eccetera, eccetera.

Con una presenza ossessiva sui media e un linguaggio da Ku Klux Klan (invasione, taxi del mare, business della immigrazione, prima gli italiani ecc.), Matteo Salvini ha sdoganato xenofobia e razzismo.

Inoltre, ha legittimato, direttamente o no, la discriminazione degli stranieri a scuola e le manifestazioni di odio razzista riportate quotidianamente dalle cronache.

La sua responsabilità politica e morale non si discute e prima o poi, se mai questa ondata fascistoide terminerà, dovrà risponderne.

Ma non minore appare il ruolo dei suoi alleati e reggicoda grillini, incompetenti inebriati dal potere, imbonitori sui social e capaci di galleggiare sulla dabbenaggine dei loro elettori.

Questo è oggi il nostro paese.

Da cui verrebbe voglia di scappare se non fosse per due donne almeno: la splendida atleta Paola Egonu, nata da genitori nigeriani, che si è dichiarata fieramente cittadina di questo paese e intende fare l’avvocato per difendere i deboli, e quella sconosciuta che ha dato pubblicamente dello stronzo a un menteccatto che, su un treno tormentava un cittadino pachistano ammutolito.

Che Dio o Allah o Zeus o chi per loro le protegga.da ogni male.

È grazie a queste donne che non ci vergogniamo di essere cittadini Italiani.

Alessandro Dal Lago

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail