Il mio “Grazie” ai paladini dei vaccini.

Il mio “Grazie” ai paladini dei vaccini.

E va bene, se proprio diventa necessario, ve lo dico chiaro e tondo come andrà a finire, anzi come sta già andando a finire.

Volevamo, in tanti, trovare una forma di compromesso.

Una scelta che permettesse a chi si sente al sicuro con 12 vaccini buttati in vena alla speraindio di farseli pure tutti, ma permettesse anche a chi invece non si fida di avere esami prevaccinali, vaccini singoli, controlli seri sui contenuti dei vaccini, un dibattito civile sulle reazioni avverse e altri elementi di dubbio.

Invece no, si è voluto passare all’obbligo forzato, al muro contro muro, senza l’ombra di una garanzia, con sanzioni e minacce ai recalcitranti.

E allora, è giusto che sappiate come andrà a finire, come sta già andando a finire.

Tutti questi genitori, zii e nonni che solo a sentire “GalxoSmithKline” hanno un’eruzione cutanea, i loro figli e nipoti a queste condizioni non li faranno mai vaccinare.

Ci sarà chi pagherà sanzioni, chi farà querele singole o collettive, chi troverà da qualche parte all’estero vaccini singoli e sicuri da fare (come tantissimi genitori fin dagli anni ’70, che già allora il “trivalente” era noto per essere più pericoloso dei vaccini singoli).

Ma la maggioranza di questi genitori preoccupati sapete invece cosa farà? Quello che in Italia sappiamo fare al meglio: troverà scappatoie.

 

“Tutti questi genitori, zii e nonni che solo a sentire “GalxoSmithKline” hanno un’eruzione cutanea, i loro figli e nipoti a queste condizioni non li faranno mai vaccinare. Ci sarà chi pagherà sanzioni, chi farà querele singole o collettive, chi troverà da qualche parte all’estero vaccini singoli e sicuri da fare (come tantissimi genitori fin dagli anni ’70, che già allora il “trivalente” era noto per essere più pericoloso dei vaccini singoli). Ma la maggioranza di questi genitori preoccupati sapete invece cosa farà? Quello che in Italia sappiamo fare al meglio: troverà scappatoie.”

Anche quelli che in buona fede hanno pubblicamente protestato, contestato e cercato di cambiare questo assurdo decreto migliorandolo *per tutti*, quando alla fine dovranno scegliere, sceglieranno di fare quel che considerano il meglio possibile per i *loro* figli.

E non li faranno vaccinare.

Avrei preferito davvero un esito diverso: un accordo, un compromesso, una soluzione legittima per tutti quanti, ma non è stata lasciata scelta, e allora è così che andrà, perché una scappatoia in Italia la si trova sempre.

“Si troveranno funzionari che hanno figli e un po’ di coscienza, si troveranno medici seri ed onesti che firmeranno esenzioni legalmente ineccepibili, e potete stare sicuri che nessun controllo ministeriale potrà impedirlo.”

Si troveranno funzionari che hanno figli e un po’ di coscienza, si troveranno medici seri ed onesti che firmeranno esenzioni legalmente ineccepibili, e potete stare sicuri che nessun controllo ministeriale potrà impedirlo.

L’italiano medio riesce a svicolare da qualsiasi legge anche solo per trovare parcheggio, figuratevi quando c’è in ballo la salute dei propri figli.

Succederà questo, sta già succedendo questo.

“Noi infatti aspetteremo, osserveremo, e se questi vaccini avranno gravi reazioni avverse, le avranno sui vostri figli. Tra cinque o dieci anni, quando questi vaccini cumulativi saranno stati abbondantemente testati sulla pelle dei vostri figli, quando le peggiori conseguenze saranno emerse, saranno state individuate e saranno state corrette, allora forse ci sentiremo abbastanza sicuri da far vaccinare anche i nostri.”

Questo obbligo vaccinale sarà tale, alla fine, solo per chi lo condivide con tanto entusiasmo.

E, di conseguenza, accadrà qualcosa di davvero paradossale: proprio voi, paladini del vaccino a tutti i costi, farete fare ai vostri figli esattamente quello che noi contestatori abbiamo, inascoltati, cercato di evitare: ne farete delle cavie da prima linea.

Delle cavie, incredibilmente, a nostro specifico vantaggio, a specifico vantaggio dei nostri figli.

Noi infatti aspetteremo, osserveremo, e se questi vaccini avranno gravi reazioni avverse, le avranno sui vostri figli.

Tra cinque o dieci anni, quando questi vaccini cumulativi saranno stati abbondantemente testati sulla pelle dei vostri figli, quando le peggiori conseguenze saranno emerse, saranno state individuate e saranno state corrette, allora forse ci sentiremo abbastanza sicuri da far vaccinare anche i nostri.

Per cui, cari tifosi del vaccino obbligato e fanatici dell’infallibilità della scienza delle case farmaceutiche, vi ringrazio di cuore, a nome di tutti coloro che – potete starne certi – non vaccineranno i propri figli: tra qualche anno, da tutti noi, e in particolare dai nostri figli, il vostro volontario ed entusiasta contributo alla sicurezza vaccinale sarà profondamente apprezzato.

Stefano Re

Please follow and like us:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather