Intervista a Kampah Flavio Campagna

NEUROPE

Quando e come nasce il tuo percorso artistico?

Nasce guardando con ammirazione mio padre Ettore quand’ero piccolo mentre disegnava e dipingeva abilmente nel suo tempo libero, quando invece durante il giorno lavorava come imbianchino e tappezziere di carte da parati nel modesto e popolare quartiere Oltre torrente di Parma negli anni ‘60.

Continua con la frequentazione dell’Istituto Statale d’Arte di Parma negli anni’70 e si evolve con la pratica del lavoro prima nello studio di Grafica Pubblicitaria dell’allora Art Director di Fiorucci August Vignali, poi a Londra per riviste di musica e di moda, a Roma per il pioniere della Motion Graphic Mario Convertino negli anni 80, ad Hollywood presso i prestigiosi studi PITTARD SULLIVAN DESIGN negli anni 90, A Venice Beach con la mia casa di produzione KAMPAH VISIONS, a Sydney realizzando la sigla delle Olimpiadi 2000, di nuovo ad Hollywood lavorando per il regista Ridely Scott sui titoli di testa del film Black Hawk Down, e poi per finire a Roma nella casa dell’amico vignettista satirico Stefano Disegni dove ho cominciato la mia carriera di Stencil Artist per esprimere il mio pensiero politico su quella che contavo essere ancora e sempre una…POVERA PATRIA.

Quali persone, artisti ed episodi hanno influenzato maggiormente il tuo lavoro?

ARTISTI:
DAVID BOWIE, PICASSO, ANDREA PAZIENZA, ALEJANDRO JODOROWSKY, MOEBIUS, STANLEY KUBRICK, RIDLEY SCOTT

PERSONE: Andrea Nieddu (mio maestro elementari di Parma) Augusto Vignali (Mio mentore grafico a Parma) Mario Convertino (mio mentore di Motion Graphics a Roma) Harry Marks ( mentore di motion graphics ad Hollywood) Pierluca De Carlo (mio mentore come regista a Venice, CA) Linda Garland (presidnete e Interior Designer della EBF Environmental Bamboo Foundation a Ubud, Bali,)Ridely Scott (mio mentore cinematografico a Hollywood)

EPISODI:
DADA, PUNK ROCK ‘70s, COMIC ART,SCIENCE FICTION FILMS, LONDON STYLE GRAPHIC DESIGN ‘80s, MACINTOSH DESKTOP REVOLUTION ‘90s, MOTION GRAPHICS, STREET ART 2000s

Cosa cerchi attraverso l’arte?

Di esprimermi attraverso l’immagine e non la parola per comunicare messaggi e approfondire contenuti il più delle volte di tipo politico, ma anche sociali e umanitari.

Ma il mio più importante obiettivo è la partecipazione e l’approvazione degli altri alle mie opere, che non faccio per me stesso, ma per il resto del mondo.

Per questo, al contrario di tanti altri artisti, io adoro le commissioni.

FCK-GUNS-ORLANDO-2016-300x300
C’è una parte della tua ricerca di cui vorresti parlare in particolare?

Sto creando un rapporto unico tra pittura e grafica in termini fotorealistici e attraverso le tecniche della Street Art.

La tecnica dello stencil mi permettere di utilizzare e condensare tutte le mie specialità artistiche e manuali in un flusso continuo di piacere creativo nel far nascere un’opera unica nel suo genere e che comunichi con il resto del mondo in modo viscerale.

Qual’è il tuo rapporto con il mercato?

Ho cominciato questa carriera di Stencil Artista da soli 5 anni, prima per anni ho fatto il Regista di Pubblicità, Art Director e Print and Motion Graphics Designer, quindi sono ancora alla ricerca di una Galleria d’Arte prestigiosa che mi rappresenti.

Per il momento faccio mostre personali tra l’ italia e la California, vivo di commissioni, vendite a privati tramite contatti personali e il mio sito web, ma ho urgente bisogno di qualcuno che mi rappresenti nel mondo dell’Arte perché è un mercato enorme che non conosco per niente e di cui mi sento di diritto di fare parte, dato il successo delle mie opere nel mondo.

In questi 5 anni ho venduto più di 120 opere e realizzato una trentina di pareti.
Cosa consiglieresti ad un artista che vorrebbe vivere d’arte?

Vivere d’Arte e’ la cosa più bella per chi l’Arte se la sente nel sangue e ha la giusta passione per farlo.

E’ una strada dura e lunga da percorrere con tanti alti e bassi, ma un Artista vero non può fare a meno di percorrerla e come si dice in America “The journey, is the DESTINATION” (cit. Dan Eldon)

b181-1100x500

sito: www.kampah.com

Francesco Cogoni.