Jeff Koons Rabbit è stata comprata all’asta per 91,1 milioni di dollari.

Jeff Koons cose dell’altro mondo una scultura di 104 centimetri prodotta in acciaio e realizzata con macchinari da un operaio sotto le direttive tecniche e grafiche dell’artista che non si è mai sporcato le mani per forgiare e saldare una serie di elementi. Un operazione che oggi viene vista sospetta per la sua entità strategica.        Anche nel 1990 l’artista sposato con la famosa pornostar Ilona Staller, aveva esposto un’enorme scultura in legno dipinta e laccata, rappresentanto una raccapricciante posizione erotica, destando scandalo alla  XLIV edizione dell’Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia.

Un “Rabbit”, una statua d’acciaio a forma di coniglio, del 1986 dell’artista americano Jeff Koons è stato venduto all’asta da Christie’s a New York per 91,1 milioni di dollari, 81,3 milioni di euro.                                  Si tratta dell’opera di un artista vivente più pagata di sempre: ha superato il record precedente del quadro Portrait of an Artist (Pool with Two Figures) dell’artista britannico David Hockney, acquistato nel novembre del 2018 a 90,3 milioni di dollari. La statua, alta 104 centimetri, è la seconda di un gruppo di tre realizzato da Koons nel 1986 ed è stata venduta con un rialzo di 20 milioni di dollari rispetto al prezzo di partenza fissato dalla casa d’aste.                                                                      L’identità dell’acquirente non è stata resa nota.

Please follow and like us:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather