LABORATORI ARTISTICI E CONDIVISIONE SOCIAL

LABORATORI ARTISTICI E CONDIVISIONE SOCIAL

I social media pongono quotidianamente a chi si occupa di linguaggi dell’arte, la sfida di rendere il proprio linguaggio e ricerca un contenuto condivisibile.
Per condividere linguaggi e ricerche artistiche contemporanee si possono fare due cose:
Creare linguaggi e ricerche artistiche e saperle curare e condividere.
Creare contenuti che sostengano linguaggi e ricerche artistiche contemporanee, necessita di lunghi post, foto e/o video che ne testimonino la presenza.
Curare i contenuti dei linguaggi dell’arte contemporanea via social, vuole dire sapere leggere le dinamiche di comunicazione dell’arte via social come visione d’insieme, come flusso del quale si fa parte con il proprio contenuto.
Agli artisti contemporanei fa piacere un “mi piace” ad un post, ma la gratificazione reale è la condivisione dei contenuti, la condivisione di un contenuto altrui (in particolare modo di linguaggi e ricerche artistiche altrui), vuole dire rischiare la propria reputazione nel nome dell’altro, vale quanto la raccomandazione di un amico, la condivisione vale un “ti assicuro che è di qualità, è buono”.
La ricondivisione è la forma di lusinga più sincera nel mondo dei linguaggi dell’arte nei social media.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail