L’AMMORE DI GIGGINO E SALVINO PER RENZIFONZI.

L’AMMORE DI GIGGINO E SALVINO PER RENZIFONZI.

Pensa che gli ho fatto i complimenti anche se ha ottenuto 800 posti in meno!

Numeri sono numeri. 11.500 vs 10.700. 2.000 esodi contro 2.500.

Ma Di Maio non ha colpe o meriti su questo. La responsabilità (merito o colpa) è dei sindacati.

Di Maio ha il merito di aver cambiato idea”.
(Carlo Calenda)

Così scrive Calenda e ha tutte le ragioni di scriverlo.
Ma parliamo di Giggino DiMaio che nella scorsa legislatura tuonava contro renzifonzi e Gentiloni e ammaliava gli elettori con una linea super ambientale e proletaria: impiegare tutti gli operai, tutti sino all’ultimo, per bonificare e riconvertire l’impianto in cose belle, felici, oneste e produttive.
Oggi Giggino “detto u’renzifonzi” Di Maio fottendosene di ambiente, proletari e parole date (al vento) adotta quasi pedissequamente il piano di Carletto Calenda con un’unica differenza:

Calenda salvava 800 operai in più.

I prodi sindacati della minchia bocciarono il piano di Calenda allora e promuovono il piano di Giggino ora (poi sono i primi a parlare di analfabetismo funzionale)

Un altro pezzetto di puzzle dell’amore segreto di Di Maio e Salvini per renzifonzi si completa.

Ma facciamo un riassuntino veloce di questo amore:

1) Il jobs act va benissimo

2) La legge Fornero non si tocca

3) Sui vaccini si ritorna alla legge Lorenzin

4) Sui conti pubblici la linea Padoan è perfetta.

5) la “buona scuola” è eccellente

6) i campi di concentramento di Minniti in Libia vanno benissimo

7) Farsela ficcare nel deretano da Macron, se stai fermo fermo, può essere piacevole.

8) E ora, pure Calenda diventa un illuminato sull’Ilva

Ah, dimenticavo!

Anche l'”alternanza scuola/lavoro” così bistrattata in campagna elettorale ora va benissimo (ditelo al comico di Mangiabarche… lui li deride ma sono esattamente come lui)

Nel frattempo, se si votasse ora, Lega e M5s arriverebbero al 63%.
La vittoria più schiacciante del renzifonzismo!

Hope to see you dead and fucked, wankers!

Antonio Musa Bottero
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail