L’ANTIMERIDIONALISMO DEI “COMPETENTI”

L’ANTIMERIDIONALISMO: DA “MALATTIA” DEL POPULISMO AD EVIDENZA SCIENTIFICA DEL GOVERNO DEI COMPETENTI
Uno degli effetti collaterali conseguenti all’abbandono dell’antimeridionalismo da parte della Lega di Salvini, è il sempre più radicato e rigorosamente bipartisan disprezzo mostrato verso gli abitanti del sud da parte di politici, media e influencer nostrani:
il Sud ignorante, assistenzialista, familista, misogino, nullafacente, mafioso da macchietta di proprietà della Lega di Bossi, oggi è diventato un luogo comune trasversalmente diffuso, anche se espresso con linguaggi più forbiti e misurati rispetto a quando era proprietà intellettuale dei figli del fiume Po.
Questo pregiudizio antimeridionale divenuto difatto verità “scientifica” grazie alla sua trasversalità politica, ha e avrà pesanti effetti pratici sulla redistribuzione dei soldi per la ripresa economica post pandemica:
la gran parte dei partiti e dei media a loro vicini sono difatti concordi che il Sud non meriti di essere reinserito nei piani di ricostruzione, a causa della sua connaturata incapacità di inserirsi nella cultura e nell’economia del primo mondo, capacità invece presente nel DNA delle popolazioni del centro-nord della Penisola.
In qualunque modo si veda il Sud e i suoi abitanti, una cosa è certa: i pregiudizi radicati non muoiono, ma si trasformano e si diffondono fino ad infettare l’intera società.
Federico Leo Renzi
Please follow and like us:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather