L’ARTE RESIDENTE AL TEMPO #Covid19

L’ARTE RESIDENTE AL TEMPO DEL COVID 19

Abbiamo ragionato ieri sulla pioggia di sanzioni per chi è stato individuato fuori casa ad acquistare beni non di prima necessità, e anche su quanto sia un problema capire per chi e per che cosa siano i beni di prima necessità, possiamo anche dire (forse) che il Covid 19 pare attentare all’artista dandy.

Ricordate Oscar Wilde: “posso fare a meno del necessario, ma non del superfluo”.

Eppure, una delle principali critiche fatte al premier Giuseppe Conte è proprio quella di trasmettere non solo con i canali informativi di massa ma con dirette facebook.

L’informazione via facebook è informazione di prima necessità?

Torniamo a ragionare di pandemia e d’arte residente, la peste a Siena dopo il 1348 reclamò Ambrogio Lorenzetti, il fervore religioso postumo inculcò dedizione militante verso la fede cristiana, il risultato?

Il clero divenne il maggior committente degli artisti, possiamo dire lo stesso del Covid 19?

Qualche politico invoca la fede e il santo locale per fermare il Covid 19, Salvini con Barbara D’Urso prega per i morti, siamo davanti a uno scenario simile a quello che determinò il Rinascimento?

———————

Secondo step con qualche precisazione, rivolta principalmente ai ragazzi di quinta.

Si sarebbe dovuti tornare a scuola dopo il 3 Aprile, ovviamente questo al momento non è possibile e non ci ha mai creduto nessuno, ieri il premier Conte ha paventato la possibilità che qualora si possa tornare al Liceo, questa sarebbe dopo pasquetta, ovviamente nessuna pasquetta fuori, ma comunque quando tutto questo finirà, il rapporto con l’ambiente e la nostra natura, la relazione con il nostro stile di vita e relazionale passato, dovrà essere forza maggiore mutato perché non più possibile e sostenibile.

Riguardo al rientro a una vita scolastica normale, sembra ci siano diverse ipotesi di lavoro, ipotesi di lavoro che riguardano necessariamente anche l’esame di stato, pare la migliore ipotesi di lavoro al momento, quella di un rientro possibile dopo la prima settimana di Maggio, con tutti gli studenti di quinta a proseguire le lezioni e ammessi all’esame di stato, esame di stato mutato nella formula, ma a questo ci stavamo preparando, gli studenti di quinta di quest’anno passeranno alla storia non solo per avere affrontato un’emergenza epocale nella storia dell’umanità, la generazione di studenti che ha vissuto un momento della storia dell’umano epocale, unico, sperando che qualcosa del genere si ripresenti il più tardi è possibile nella storia dell’umanità, anche se la scienza giustamente sostiene che l’umano è riuscito a mutare e contaminare così tanto la natura che certe emergenze potrebbero essere all’ordine del giorno, basterebbe un’equazione matematica a dimostrare che da quando esiste il pianeta terra, la storia dell’uomo sul pianeta terra equivale a quattro secondi di vita del pianeta.

L’uomo abita il pianeta terra da quattro secondi di vita del pianeta terra, pensate a quanto e come l’umano è riuscito a forzare la natura in soltanto quattro secondi, ragion per cui quando tutto questo sarà terminato dovremmo configurarci tutti in una nuova e rieducata modalità, in particolare modo nei confronti della natura, tant’è vero che se questo virus d’origine pipistrellare ci ha aggredito un motivo ci dovrà pure essere, anche nel nome del fatto che il pianeta terra non è mai stato abitato da così tanti umani contemporaneamente e mai così tanti umani contemporaneamente sono stati messi in condizione di spostarsi da un luogo all’altro quotidianamente, ragion per cui, tutto questo forza maggiore dovrà mutare.

Torniamo all’esame di stato e scusate la digressione, la migliore delle ipotesi del Ministero pare essere quella di un rientro intorno alla prima settimana di Maggio, ammissione garantita per tutti ed esami di stato con la sola priva scritta d’Italiano e la prova orale, durante il colloquio orale vi verrà ovviamente richiesto di connettere le varie discipline d’esame in commissione, questa della capacità di maturare connessioni tra le diverse discipline, mi pare al momento l’unica certezza inoppugnabile che abbiamo, in tale ottica bisogna continuare a lavorare e concettualizzare in relazione al tema di lavoro “L’arte residente al tempo del Covid 19”.

La peggiore delle ipotesi, che non si rientri al Liceo e l’esame orale sia a distanza, in questo caso l’interfaccia per il lavoro resta la mia email mimmodicaterino@cagliariartmagazine.it.

L’Italia non riapre domani, si paventa l’ipotesi che possa riaprire per scaglioni dopo le vacanze di Pasqua, dal punto di vista scolastico l’ipotesi migliore sarebbe il rientro intorno alla prima settimana di Maggio, da quel momento ci si dovrà preparare per affrontare un esame di stato che sarebbe in via di definizione da parte del Ministero che sta ricalibrando in relazione all’anno in corso.

Cosa altro aggiungere?

I luoghi nell’isola dove il Covid 19 pare in espansione sembrano essere nel nord dell’isola, Sassari e Alghero, la situazione pare controllata nell’area Cagliaritana metropolitana, questo ovviamente non deve fare distendere nessuno.

Vi saluto dal fantastico, mitico e mitologico laboratorio M1 del Foiso Fois, radio Mimmo vi saluta per darvi appuntamento domani che sarà 3 Aprile, domani per inciso sarei dovuto volare nella mia terra d’origine, dal momento che una volta all’anno vado dai miei genitori, quest’anno non andrò perché impossibilitato a farlo per evidenti motivi di pandemia, ma non abbiamo nulla da temere, perché questa pandemia è momentanea, mentre invece la pandemia di cui voi siete portatori sani, è quella di divulgare i linguaggi dell’arte come motore e alimento di progresso sociale, culturale e cognitivo dell’umanità interconnessa tutta, questo incredibile virus linguistico dell’arte lo stiamo concependo in laboratorio, nel laboratorio M1 del Foiso Fois di Cagliari.

Buon lavoro a tutti.

In allegato le schede video di come stiano affrontando l’emergenza Covid 19 gli artisti Laura Saddi, Vito Ranucci, Guroga Airlines e Marco Santolisier.

Please follow and like us:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather