Marisa Merz ci lascia a soli 93 anni

Ci ha lasciati la sera del 19 luglio a Torino, a 93 anni, Marisa Merz, artista e moglie di Mario Merz, unica donna a fare parte della corrente dell’Arte Povera. Madre di Beatrice, attualmente presidente della Fondazione Merz, Marisa nel 2013 ha ricevuto il Leone d’Oro alla carriera della Biennale di Venezia. “A partire dal suo lavoro svolto in parallelo ai protagonisti dell’arte povera, tra i quali Marisa Merz si distingueva per la riflessione sulla sfera dello spazio domestico e femminile, l’artista ha sviluppato un linguaggio personale in cui pittura, scultura e disegno si combinano per dare forma a immagini all’apparenza arcaiche e primordiali”, si legge nella motivazione del premio conferito all’artista sei anni fa.

Introducendo nell’arte contemporanea tecniche che derivano dall’artigianato o dalle attività cosiddette “femminili” (intreccio, cucito) conferisce loro dignità artistica. Un’altra costante della sua opera è l’esplorazione delle interazioni fra spazio interiore, identità, vita privata e spazio sociale.

Nel 2017, il Metropolitan Museum di New York le dedica la mostra retrospettiva The Sky is a Great Space[

Esposizioni principali

  • 1966 – Prima esposizione, nel suo atelier
  • 1969 – Stedelijk MuseumAmsterdam
  • 1969 – Museum Folkwang, Amsterdam
  • 1972 – III Biennale Internationale della Giovane Pittura, Museo Civico, Bologna
  • 1972 – Biennale di Venezia
  • 1973 – X quadriennale di Roma, Palazzo delle Esposizioni, Roma
  • 1980 – Biennale di Venezia
  • 1981 – Centre Georges-Pompidou, Parigi
  • 1982 – Palazzo delle Esposizioni di Roma
  • 1982 – Documenta 7 de Kassel
  • 1983 – Museo marittimo di Los Angeles, Harbor Museum, Los Angeles
  • 1985 – Biennale di Venezia
  • 1985 – Castello di Rivoli, Torino
  • 1986 –Chambre d’amis, Museo municipale d’arte contemporanea, Gand
  • 1988 – Biennale di Venezia
  • 1989 – Museum Ludwig, Colonia
  • 1992 – Documenta 9 di Kassel
  • 1992 – Musée d’art contemporain de Lyon, Lyon
  • 1993 – Biennale di Venezia
  • 1994 – Centre Georges Pompidou (monografica)
  • 1994 – Guggenheim Museum, New York
  • 1995 – Kunstmuseum Wolfsburg
  • 1995 – Kunstmuseum Wintherhur, Svizzera (monografica)
  • 1996 – Stedelijk Museum d’Amsterdam (monofrafica)
  • 2001 – Biennale di Venezia: Premio speciale della giuria spécial
  • 2001/2003 – Zero to InfinityTate Modern, Londra; Walker Art Center, Minneapolis; Museo d’arte contemporanea di Los Angeles; Hirshhorn Museum, Washington, D.C.
  • 2003 – Kunstmuseum Wintherhur (monografica)
  • 2007 – Palazzo Fortuny, Venezia
  • 2007 – Museo d’arte contemporanea DonnaREgina, Napoli (monografica)
  • 2008 – Biennale di Sydney
  • 2010 – Kunstmuseum Liechtenstein
  • 2011 – Castello di Rivoli, Torino
  • 2012 – Fondazione Merz, Torino (monografica)
  • 2012/2013 – MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo
  • 2013 – Biennale di Venezia: Leone d’oro, menzione speciale della giuria
  • 2017 – The Metropolitan Museum of Art, New York (retrospettiva)
Please follow and like us:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather