Matera capitale europea con i suoi Scultori

 

Questo progetto, esplica chiaramente una visione dell’arte residente di  Matera, fondata sulla dialettica e la valorizzazione dei propri artisti, come patrimonio da esportare e da tutelare.

Fanano-Matera 2017.

Due città, due pietre.

All’interno del protocollo siglato dal Comune di Modena e da diversi comuni della provincia con quello di Matera, che mira a unire le due città sotto il profilo culturale in vista di Matera 2019, capitale europea della cultura, Fanano trova un suo spazio di intervento con l’intento di consolidare ulteriormente il sodalizio con la città di Matera, iniziato nel 2015, con diverse iniziative artistiche che hanno visto le due città coinvolte e collaborative soprattutto intorno al tema centrale della pietra di Fanano e del tufo di Matera.

Ricordiamo la mostra di Franco di Pede, materano, alle Cantine degli Scolopi di Fanano nel 2015, accompagnata dall’esposizione di fotografie dedicate ai Sassi di Matera; la partecipazione di due scultori fananesi, Gionata Orsini e Matteo Boldrini, all’installazione artistica della “Scala di Pace” a Timmari (Matera), attraverso la spedizione di due lastre lavorate su pietra arenaria; la donazione, da parte di quattro scultori lucani, di valigie in tufo per l’installazione collettiva “Le Pietre per Parlare”, destinata alla città di Modena e dedicata ai drammi dell’emigrazione e all’integrazione.

Nel mese di settembre 2017 Matera e Fanano saranno protagoniste di un doppio scambio artistico, che si concretizzerà in due mostre sincrone e parallele.

Fanano ospiterà quattro artisti lucani: Franco di Pede, Dario Carmentano, Donato Linzalata e Angelo Carbone, che porteranno sculture, fotografie e installazioni.

La mostra sarà allestita alle Cantine degli Scolopi di Fanano e rimarrà aperta dal 6 settembre all’8 ottobre.

Contemporaneamente, a Matera, il 9 settembre verrà inaugurata la mostra di Roberto Leoni, fotografo professionista fananese, il quale porterà a Matera una selezione di immagini panoramiche su Fanano che, oltre a descriverne il paesaggio, sottolineano il suo antico legame con la pietra. L’esposizione sarà visitabile nello Studio Arti Visive di Matera, in via Beccheria 41, fino al 29 settembre.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail