Messaggio per Mattarella?

I malumori dopo le dichiarazioni di ieri della Von Der Leyen devono essere stati parecchi e bipartisan, se persino il segretario del PD Letta è dovuto intervenire per rassicurarci che possiamo votare chi vogliamo senza che l’UE butti giù d’imperio l’eventuale nuovo governo non gradito.
Nonostante le richieste della stampa nostrana e internazionale la Von Der Leyen non ha fornito alcuna lista “nera” dei partiti italiani non graditi all’UE: se togliamo ItalExit, Unione Popolare e Italia Sovrana e Popolare che sono partiti decisamente antisistema, è difficile capire esattamente quale dei partiti che passeranno sicuramente la soglia sia eversivo secondo l’UE, e soprattutto per quali motivi (chi crede che il discrimine siano i diritti umani evidentemente non ha mai letto un solo report di Amnesty sui paesi UE).
La minaccia della Von Der Leyen rimane quindi sospesa nel vuoto cosmico, mentre il silenzio di Mattarella è indicativo: il messaggio probabilmente era diretto a lui, perché lui sa.
Federico Leo Renzi