Non so se sapete chi è Diego Fusaro.

Non so se sapete chi è Diego Fusaro.

Beh, è autore di vari libri di filosofia e dintorni, pubblicati anche da Einaudi e Feltrinelli.

In passato, avevo dato un’occhiata a “Bentornato Marx! Rinascita di un pensiero rivoluzionario”, una specie di centone utile tutt’al più per un ripasso in vista dell’esame di maturità.

Poi, quando ho scoperto che aveva condotto un programma a Radio Padania ho deciso di ignorarlo per sempre.

Ma anche se non ve ne occupate per nulla, è impossibile non inciampare in questo ragazzo dall’aria pensosa ( con ciuffo e barba di qualche giorno, come si usa oggi tra i giovani alla moda), che imperversa in tv e tiene un blog su “Il fatto quotidiano” (direi che lui e il “Fatto” si meritano a vicenda).

In sostanza, il Fusaro-pensiero è il seguente:

l’occidente agonizza, a causa degli immigrati, dell’Islam e del turbocapitalismo voluto dalle élite cosmopolite.

La famiglia sta morendo a causa della cultura Lgbt ecc. Per farla breve, Fusaro è un esponente di quello che chiamerei il marxismo padano o il fascio-marxismo (capofila Salvini) – sia detto senza recare offesa al marxismo, che è anche una cosa seria.. Ma il suo blog è una vera fonte di spasso: cito a caso due interventi: “Chi ama è già in lotta contro il capitalismo globalizzato” (5 gennaio 2009) e soprattutto “Insetti, quattro italiani su dieci sono pronti a mangiarli. È il tramonto dell’Occidente”.

Messo di buon umore da queste letture ho dato un’occhiata alla sua pagina Facebook, da cui ho tratto il seguente pensiero:

“L’atomistica liberale mira a dissolvere la famiglia nella pluralità nomade e diasporica degli io irrelati o, in modo convergente, a ridefinirla come mero assemblaggio effimero e a tempo determinato, rispondente in via esclusiva al libero e illimitato desiderio di individui senza residua identità di genere e aspiranti unicamente al plusgodimento cinico.”

Ogni commento è superfluo. Aggiungo che il Fusaro è stato ricercatore all’Università Vita e Salute (S. Raffaele), che ha ottenuto l’abilitazione scientifica nazionale e che insegna allo Iassp di Milano (Istituto di Alti studi strategici e politici).
Questo sì che il tramonto dell’Occidente, altro che mangiare gli insetti!.

Alessandro Dal Lago

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather