Non vi sopporto il giorno della memoria

Pensate al maleodorante perbenismo ipocrita e, per così dire, meccanicistico, autistico, legato agli obblighi sociali, per meglio dire tribali, di adesione ai mantra della Memoria.

Pensate a quante volte nel corso dell’anno vi trovate nella stessa condizione, consapevole o inconsapevole, di aderire a celebrazioni tribali di stucchevoli e appiciccose sagre globali di senso comune.

Pensate che tutto questo tempo potevate utilizzarlo per fare all’amore, leggere libri, fare due chiacchiere con vostro figlio, issare vele al vento, innamorarvi, giocare a pinella… e invece avete rinunciato a tutto ciò per scrivere una minchiata sulla memoria simile, scambiabile, ugualmente artificiosa e banale di milioni di altre sparse nel cielo immenso del più fottuto senso comune.

Sono una persona tollerante ma sopportarvi nel giorno della memoria è difficile.

Antonio Musa Bottero

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail