#Orientaillinguaggio: Diario di un orientatore!

#Orientaillinguaggio: Diario di un orientatore!

“Il consiglio che ci sentiamo di darvi è che sia una scelta razionale, ponderata e personale.
Non dovete pensare che se un Liceo o un Tecnico Professionale è andato bene per un vostro amico o parente andrà bene per voi, non dovete pensare di non potere sopravvivere nelle scuole superiori senza il vostro compagno di classe o di banco delle medie inferiori.
Lo studio ha valore e rende, quando è passione individuale, quando ci si appassiona allo studio si studia, altrimenti se non si sente un percorso, non ci si appassiona e non si studia, si disperde lo studio e si disperde lo studente; la Regione Sardegna è la Regione con il più alto tasso di dispersione scolastica in Europa.
Forse questo avviene anche perché s’inseguono falsi miti, sarebbe forse il caso di dire e di dirci, che non esiste Liceo o Tecnico Professionale che sia agenzia di collocamento in grado di determinare lavoro e professione per tutti, diffidate da chi vi dice, “con il nostro diploma potrai sicuramente trovare lavoro”, la verità è che ogni lavoro necessita di studio e applicazione derivante dalla passione, quando si ragiona di metodo di studio, si ragiona di metodo per comprendere e relazionarsi a problematiche di vario genere, che è quello che avviene in ogni settore e ogni professione, il metodo di studio lo si trova se ci si appassiona a ciò che si studia, questa è l’unica modalità d’orientamento possibile, ascoltare se stessi e comprendere su quale percorso si ha più voglia d’investire, su quale e quali materie si ha voglia di passare e investire più tempo.
Tutte le strade possono portare alla maturità, voi dovreste cercare la più comoda e stimolante per voi, capire la vostra intelligenza da che tipologia di linguaggio e di pratica si senta maggiormente attratta.
Lo studio di ciò che caratterizza la propria natura è quanto di più armonico uno vi possa augurare per il vostro percorso di studio, Claude Monet, un pittore impressionista diceva di volere dipingere così come un uccello canta, questo vuole dire studiare con passione, studiare qualcosa che si può sentire come parte integrante della propria natura.”

Dal “Diario di un orientatore”, Villasor

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail