Orientamento: Assemini e Serdiana

Assemini

 
Perché uno dovrebbe scegliere il Liceo Artistico o il Musicale rispetto ad un altro Liceo?
Perché mosso da passione verso i linguaggi dell’arte, per chi ha voglia di esercitarsi e di studiare i linguaggi dell’arte e si sente un creativo ed ha il forte desiderio di esercitare un suo pensiero critico attraverso i processi e i progetti del fare arte che lo rendano creativo è l’unico percorso possibile.
Mentre gran parte di quello che avviene negli altri Licei lo trovare bene o male in altri percorsi di studio ad indirizzo Liceale, i laboratori ad indirizzo linguistico dei processi creativi del fare arte li trovate soltanto all’Artistico.
Nell’asse dei Licei, soltanto il Liceo Artistico consente un ingresso biennale laboratoriale che consente di orientarsi per due anni e indirizzarsi verso il linguaggio dell’arte, e la progettazione creativa, che meglio si connette con le proprie attitudini.
Sono un creativo con una mentalità razionale, logico, scientifico, matematica?
Allora il corso di Design o di Architettura e Ambiente meglio incontrano le mie attitudini.
Sono un creativo che sa come valorizzare e promuovere un marchio o un prodotto?
Allora il corso di Grafica o di Audiovisivo e Multimediale è il mio percorso.
Sono portato a sviluppare un percorso grafico personale ed espressivo e amo sviluppare disegni a mano libera?
Allora il percorso è quello classico di Arti Figurative dove posso attraverso la Pittura e la Scultura ragionare su problematiche sociali e umane complesse.
“Perché uno dovrebbe scegliere il Liceo Artistico o il Musicale rispetto ad un altro Liceo? Perché mosso da passione verso i linguaggi dell’arte, per chi ha voglia di esercitarsi e di studiare i linguaggi dell’arte e si sente un creativo ed ha il forte desiderio di esercitare un suo pensiero critico attraverso i processi e i progetti del fare arte che lo rendano creativo è l’unico percorso possibile.”

Serdiana

 
Impazzisco quando mi chiedete: che prospettive di lavoro offre questo percorso di studio?
Un percorso di studio non offre possibilità di lavoro, offre percorsi di studio.
Guardate un attimo quello che ci sta intorno, questa è una cattedra con una sedia, sulla cattedra c’è un proiettore, al muro una lavagna mediale e una multimediale, questi oggetti nella loro funzionalità sono stati progettati da un Designer.
Siamo in una scuola, in un’aula, questi spazi in relazione alla loro funzionalità li ha progettati un Architetto e li ha relazionati all’ambiente e alla comunità di Serdiana.
Avete libri di testo e agende che pagina per pagina sono stati concepiti e immaginati da un grafico, proprio come i loghi che avete sui vostri zaini e felpe.
Tra un poco guarderemo un video, quella è comunicazione audiovisiva e multimediale, se è un videoclip ci sarà anche musica ricampionata in maniera elettronica.
Tutti questo ha delle forme e dei colori, chi ha pensato a tutto questo ha osservato forme e colori, ci ha riflettuto e poi si è espresso producendo.
Ma poi, qualcuno in questa classe riesce a immaginare un mondo senza Sculture o dipinti?
Vi immaginate una Sardegna priva di Scultori su pietra?
“Impazzisco quando mi chiedete che prospettive di lavoro offre questo percorso di studio? Un percorso di studio non offre possibilità di lavoro, offre percorsi di studio. Guardate un attimo quello che ci sta intorno, questa è una cattedra con una sedia, sulla cattedra c’è un proiettore, al muro una lavagna mediale e una multimediale, questi oggetti nella loro funzionalità sono stati progettati da un Designer. Siamo in una scuola, in un’aula, questi spazi in relazione alla loro funzionalità li ha progettati un Architetto e li ha relazionati all’ambiente e alla comunità di Serdiana. Avete libri di testo e agende che pagina per pagina sono stati concepiti e immaginati da un grafico, proprio come i loghi che avete sui vostri zaini e felpe.”
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail