Parma – Cagliari, il pronostico Accademico

Domani c’è Parma Cagliari, il Cagliari in casa ha perso con il Brescia e con l’Inter, in entrambe le città lombarde un’Accademia di belle Arti c’è, c’è un’Accademia anche a Parma:
L’Accademia Nazionale di Belle Arti di Parma è regolata dallo statuto emanato con Decreto del Presidente della Repubblica Giovanni Leone del 16 febbraio 1973, n. 160.
Riallacciandosi alle sue origini settecentesche, l’istituzione “ha lo scopo di favorire l’incremento della cultura artistica e l’esercizio delle arti, promuovendo quelle iniziative atte a divulgarne la conoscenza.
Essa pertanto organizza esposizioni, conferenze, convegni ed ogni altra attività diretta allo sviluppo delle finalità istituzionali” (art. 2).
L’Accademia possiede una cospicua collezione di opere d’arte, un archivio storico e un fondo librario di ambito artistico, raccolte che si incrementano anche grazie a donazioni da parte di istituzioni pubbliche, imprese, associazioni e privati (artt. 3-4).
I componenti dell’Accademia si suddividono in 4 classi: architetti, pittori, scultori e studiosi d’arte (art. 5), delle quali fanno parte, nel numero massimo di 12 per classe, i soci effettivi – cittadini italiani distinti nell’esercizio e nello studio delle arti, nonché in grado di contribuire fattivamente alla vita accademica (artt. 6-7) –, ai quali si affiancano gli accademici corrispondenti (scelti tra i cultori e gli studiosi d’arte) e gli accademici d’onore, personalità di chiara fama che hanno notevolmente contribuito alla produzione artistica o agli studi d’arte (artt. 8-9).
Gli organi istituzionali dell’Accademia sono l’Assemblea generale degli accademici, il Consiglio di Presidenza, il Presidente e il Collegio dei revisori dei conti (art. 15).
Si lo, voi direte, va bene ma questa non è un’Accademia d’Alta Formazione Artistica che rilascia attestati, vero, ma tutela e pone a sistema artistico e culturale Accademico gli artisti residenti, in Emilia Romagna per l’Alta Formazione a quest’impianto di valorizzazione Accademica dell’arte residente si affiancano l’Accademia di Belle arti di Bologna e quella di Ravenna che si appresta a diventare il primo politecnico della arti in Italia, così per dire, mancherà Naingollan, Maran riuscirà con Joao Pedro a ribaltare un pronostico che in partenza, ragionando sull’alta formazione artistica vede il Parma favorito?
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather