Presentazione: “E quindi uscimmo a riveder le stelle”

“E QUINDI USCIMMO A RIVEDER LE STELLE”: PRESENTAZIONE E PROIEZIONE GIOVEDÌ 8 FEBBRAIO, ORISTANO

La presentazione si terrà a Oristano giovedì 8 febbraio alle ore 19, presso l’Hospitalis Sancti Antoni

L’ultimo numero di Sorticularia, il Bollettino dell’Archivio Storico Municipale di Oristano, è interamente dedicato alla Sartiglia. Si tratta di un dvd, intitolato “E quindi uscimmo a riveder le stelle”, supplemento al numero 5 di giugno 2017, curato da Nicola Marongiu e Cinzia Carrus, prodotto dal Comune di Oristano e dalla Fondazione Sa Sartiglia con il contributo della Fondazione di Sardegna, della Cineteca Sarda e del Gruppo tamburini e trombettieri Sa Sartiglia, che sarà presentato al pubblico giovedì, alle 19, all’Hospitalis Sancti Antoni. Otto figure eccezionali raccontano la Sartiglia e la figura de Su Componidori rivelando i vari modi di vivere ed esplorare la storica manifestazione. Gli otto protagonisti sono Carmine Piras, Annadina e Luigi Cozzoli, Franco Ledda, Silvio Pulisci, Ruggero Emmi, Filippo Martinez ed Enrico Fiori. Il bollettino dell’Archivio Storico comunale nasce nel 2007 per valorizzare le fonti per la storia della Città e del territorio ad essa direttamente o indirettamente collegato. Quelle fonti, generalmente carte e documenti, che rappresentano un patrimonio inestimabile di storia e cultura locale, testimonianze formali e formalizzate delle azioni che hanno contribuito a delineare le sembianze del presente. Il lavoro di video-intervista coordinato dalla direttrice dell’Archivio Storico Antonella Casula e realizzato da Nicola Marongiu e Cinzia Carrus, è fondato sul significato più profondo del termine, sulla reciprocità degli sguardi, sullo studio della sostanza stilistica della documentazione, e sulla cura dei dettagli che emergono dagli elementi filmati e documentati. Anche i luoghi di registrazione (abitazioni private, studi professionali, officine di artigiani, ecc.) non sono casuali, ma il risultato di una scelta ponderata, e volutamente orientata ad offrire al lavoro una connotazione di natura ecologico-ambientale e psicologico-culturale. Così pure il montaggio delle immagini e la selezione delle musiche e dei ritratti fotografici, che nascondono, ma non del tutto, il proposito di tramandare elementi di cultura popolare e tradizionale, nella consapevolezza che parlare, raccontare, narrare la Sartiglia, la «propria» Sartiglia, conferma la complessità metodologica ed euristica tipica delle fonti orali e l’interpretazione, mediata dal ricordo, che resta in divenire, nel pieno rispetto della, delle altrui Sartiglie. Del resto l’analisi e lo studio dei carnevali tradizionali della Sardegna, portati avanti da illustri ricerche antropologiche, conferma l’importanza dell’incrocio di fonti di diversa natura: scritte, demologico-letterarie, di archivi locali, orali e d’inchiesta. Queste ultime rappresentano una ricchezza straordinaria nel sopperire alle carenze della memoria collettiva, e alla conoscenza del puzzle che rappresenta questo evento. Il DVD sarà messo in vendita nella biglietteria della Fondazione Sa Sartiglia in via Eleonora.

La copertina del DVD

Please follow and like us:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather