PREZIOSO QUANTO UN INGEGNERE

 PREZIOSO QUANTO UN INGEGNERE

Quando penso ai linguaggi dell’arte, penso a qualcosa di vicino alla scrittura Matematica.
Come la scrittura Matematica, i linguaggi dell’arte servono a registrare ed elaborare dati.
Il linguaggio dell’arte insieme a quello della Matematica, è il linguaggio più parlato al mondo, sono i due linguaggi che realmente hanno globalizzato l’umanità, necessari ad una comunicazione che sia efficace ed efficiente ben oltre distinguo e differenze che tutte le altre lingue scritte hanno di cultura in cultura, di scrittura in scrittura.

“Il linguaggio dell’arte insieme a quello della Matematica, è il linguaggio più parlato al mondo, sono i due linguaggi che realmente hanno globalizzato l’umanità, necessari ad una comunicazione che sia efficace ed efficiente ben oltre distinguo e differenze che tutte le altre lingue scritte hanno di cultura in cultura, di scrittura in scrittura.”

L’uso e l’abuso dei linguaggi dell’arte e della Matematica, rappresenta insiemi e sottoinsiemi umani.
Quando scriviamo stati via social network, in realtà che cosa facciamo?
Scriviamo parole con una tastiera in un Computer basato tutto su differenti combinazioni di 0 e di 1.
La scrittura era nata 5000 anni fa per custodire e preservare una coscienza umana nata con i linguaggi dell’arte 35000 anni prima, oggi si sta autoeducando ad una comunicazione sempre più efficace su determinazione algoritimica Matematica.

“La scrittura era nata 5000 anni fa per custodire e preservare una coscienza umana nata con i linguaggi dell’arte 35000 anni prima, oggi si sta autoeducando ad una comunicazione sempre più efficace su determinazione algoritimica Matematica.”

Linguaggi dell’arte e linguaggi della Matematica devono potere coesistere, per questo, mai come in questo passaggio della Storia, dall’industriale al digitale, Licei Artistici ed Accademie di Belle Arti sono necessari, attraverso la didattica della biologia dei linguaggi e dei gesti artistici, si può (e si deve) evitare la “riduzione” dei linguaggi dell’arte a processi di concettualizzazione Matematica.
La biologia dell’arte, consente a tutti di potere comprendere il gesto dell’artista, come un’operazione aritmetica, è la cultura negata, o imposta e diffusa, dell’arte a chi naturalmente dovrebbe e potrebbe fruirne a sconfessarne la natura.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather