Quilo: Arte residente e Accademia!

Credo  che la doverosa e giusta battaglia sull’Alta formazione a Cagliari che io ho appoggiato senza se e senza ma, dalla prima ora, nel cui ambito si possa anche lasciare spazio a una battaglia che molti artisti sardi hanno sempre portato avanti, quella che riguarda una legge sull’arte e la musica che possa tutelare gli artisti e concedere loro opportunità; si è parlato di ARTE RESIDENTE; si,  ma allora la mIgrazione artistica va proprio contro questo concetto di residenza resistenza .

Quindi ribadisco il concetto e sottolineo, che se vogliamo metterla giù come lotta di categoria, per me va pure bene, anche se non la vedo così; pur sempre è una lotta culturale che mira a sensibilizzare un popolo tutto. Sono gli artisti che hanno una certa responsabilità per diffondere cultura, linguaggi, lingua sarda, scambio; sono gli artisti che producono e danno un contributo prezioso anche alla battaglia dell’Accademia, noi che purtroppo l’Accademia non abbiamo potuto frequentarla per diverse ragioni.

Ribadisco che è vergognoso che Cagliari città capitale non abbia la sua Accademia e aggiungo che è quantomeno vergognoso che molti di noi siano relegati a fare le macchiette, le comparse nel nome di frasi fare come:

“suona tanto ti fai pubblicità”, “appendi i tuoi quadri e pagaci così avrai la tua opportunità”, “fai un disco , registralo” o “fai il video, diffondilo tanto nessuno ti darà lo spazio che merita”.

Al netto della merda, perché di merda ve ne è tanta; una battaglia non esclude l’altra .

La Legge sulla musica non è elemosina, è mettere nelle condizioni un artista di Lavorare, trovare i suoi spazi e contribuire quindi alla collettività in modo dignitoso; essere RESIDENTI e liberamente esprimersi, scegliere di poter fare MUSICA , scegliere di essere liberi e di non essere sempre trattati come Merce che sta sotto lo scaffale; vedrete che ne gioverebbero in molti che oggi investono denaro proprio per costruirsi lo studio, per dedicarsi ogni giorno alle produzioni da proporre al pubblico; non solo Folk ma Rap, reggae, rock, blues e tutto quel che volete voi.

Mi esprimerò molto meglio prossimamente su alcuni concetti dalla mia piccola, piccolissima esperienze di uomo-artista-rapper, e tutto quello che cazzo volete voi, non sovvenzionato.

Quilo dei Sa Razza/Maloscantores


 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail