#Socialdistancing

Prime tavole di schizzi sul tema di laboratorio annuale del distanziamento sociale, disconnesse nella narrazione, tra la prima e la seconda tavola non c’è linearità di percorso, quasi come se la seconda immagine fosse arrivata per caso, va bene l’idea del drago Covid 19, ma serve strutturarla, e nella prima tavola ci sono forse degli elementi simbolici che fanno al caso nostro e che potrebbero essere connessi a una narrazione che ruoti intorno al drago Covid 19.

Figure stilizzate che dovranno accompagnare il progetto in gestazione, vanno connotate nei tratti mimici, notare il progressivo miglioramento tra la prima e la seconda tavola di schizzi, tra il primo schizzo della prima tavola (in alto a sinistra) e l’ultimo della seconda tavola (in basso a sinistra), i linguaggi dell’arte necessitano di pratica guidata e l’esercizio quotidiano (veicolato in questo caso da un tema di lavoro) progressivamente renderà autonomi nel pensiero progettuale come nella pratica della sua rappresentazione.

Tavola di schizzi, dove a distanza si materializza la paura di relazionarsi al volto dell’altro, che tridimensionalmente compare con la mascherina, c’è un errore di impostazione che sta scomparendo, ossia quello di disegnare i capelli non come volume, ma come linea nello spazio fronte, errore percettivo comune da correggere attraverso l’osservazione tradotta in rappresentazione.

Schizzi dall’atmosfera dark punk, il distanziamento sociale si legge come isolamento relazionale tradotto metaforicamente nel cappio, anche questo è un tema-immagine ricorrente sul tema, che un poco rimanda alle sculture installazione di Maurizio Cattelan

Ma mentre le sculture/manichini/installazioni di Maurizio Cattelan sono codificate in termini di comunicazione, nel caso di questi schizzi progetti mancano gli elementi di codifica che vanno strutturati per meglio cercare una rappresentazione sul tema che sappia essere efficace in chiave metaforica.

In questo caso, in maniera casuale si è cominciato a mettere a fuoco degli elementi, anche una connessione tra due elementi simbolici che possono apparire distanti tra loro come delle mani e degli alberi, può essere un territorio da sondare in relazione al tema di lavoro da sviluppare.

Schizzi dove naturalmente si sonda la possibilità d’affrontare il tema del distanziamento sociale attraverso un sottomarino, non è ancora chiaro perché in chiave simbolica un sottomarino (quindi qualcosa di sommerso) sarebbe da relazionare al distanziamento sociale, ragion per cui ho chiesto a chi ha in mente questa idea progettuale di contestualizzare questi sottomarini all’interno di scenari e di rappresentazioni spaziali che meglio lo connettano come contenuto al tema di lavoro del distanziamento sociale.

Progetto-schizzo da chiarire nel contenuto, l’albero sembra presentarsi come il contenitore del virus che lo muove nell’ambiente e nell’aria, è così? I volti che sembrano essere stretti dai suoi rami tentacolari sembrano suggerirci questo, ma se è questa l’idea va studiata meglio, i volti vanno connotati e identificati e l’albero come elemento di natura potrebbe rimandare in maniera più efficace direttamente al virus.

Modalità di schizzare che incontra molto il mio gusto, ci si muove d’istinto, di getto (si disegna con la penna senza paura di sbagliare) e si insegue l’idea, va bene, ma a un certo punto questa ricerca d’elementi deve trovare una sintesi di rappresentazione e una connessione in un’unica immagine risultante da tutto questo processo di elaborazione di un contenuto tematico.

In questa presentazione del test d’ingresso, ci si mostra impossibilitati a comunicare, vanno elaborati attraverso gli schizzi gli sguardi e i tratti di una mutata comunicazione sociale nel tempo delle mascherine obbligatorie.

Si sta elaborando un volto stilizzato con la mascherina, in questo caso ho chiesto una maggiore definizione di ciò che si sta definendo, e uno studio stilizzato a figura intera con altre tavole di schizzi, questo per capire il contenuto di pensiero progettuale che è alla base di questi schizzi.

 

 

Please follow and like us:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather