Take Me (I’m yours) Villa Medici a Roma

All’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici e la direttrice Muriel Mayette-Holtz presentano Take Me (I’m yours) mostra a cura di Christian Boltanski, Hans Ulrich Obrist, Chiara Parisi.

La mostra allestita all’interno degli spazi della Villa Medici vede una serie  d’installations dove lo spettatore può intervenire toccando, modificando e prendendo un oggetto di ogni opera diversa esposta, non tutte le opere esposte erano disponibili per mio rammarico segnalo la totale sparizione del lavoro di Paulo Brusky artista Brasiliano della Poesia Visiva attivista negli anni ottanta dove il sottoscritto ha collaborato ad una serie di progetti di Mail Art e libri d’artista curati e realizzati da Brusky, la tentazione di recuperare e mangiare una caramella di Felix Gonzalez Torres, oppure essere ritratto dall’assistente di Francesco Vezzoli portandosi a casa un vero ritratto realizzato su cartoncino bianco professionale.

Tutte azioni e cose che rimangono impresse all’interno della mente, non più la solita mostra dove devi guardare, meditare e poi dimenticare ciò che si è visto.

L’unico aspetto negativo quello che alcuni lavori non si potevano recuperare o esportare perché terminati o in posizioni impossibili da raccogliere, specie per le opere di Cesare Pietroiusti e Anri Sala, ma ci si può consolare realizzando una piccolo scultura di Yoko Ono con i pezzi di ceramica spaccati. 

La mostra sarà aperta solo nei giorni Venerdì – Sabato –  Domenica dalle 14.00 alle 19 affrettatevi perchè il 12 agosto 2018 si chiude.

Foto e testo di Roberto Scala

 

Please follow and like us:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather