THE ULTIMATE GUERRILLA BATTLEFIELD

THE ULTIMATE GUERRILLA BATTLEFIELD

“La creatività ha bisogno di essere creata tre volte:
Nella mente, sulla carta o digitalmente e alla fine nella realtà”.
J. Salenbacher

 

Cosa accade di diverso a degli studenti che invece di un percorso Universitario, scelgono un percorso d’Alta Formazione Artistica in un’Accademia di Belle Arti?
Accade che hanno la possibilità di godere di attività creative e laboratoriali d’indirizzo calibrate sulle reali esigenze del lavoro creativo ed artistico contemporaneo.

Per le aziende, le aule Accademiche, sono un potenziale serbatoio creativo di spunti, complice la freschezza dell’ambiente, del pensiero e dell’approccio progettuale, miniera e risorsa che vale molto di più di asettiche e standard figure professionali.

“Cosa accade di diverso a degli studenti che invece di un percorso Universitario, scelgono un percorso d’Alta Formazione Artistica in un’Accademia di Belle Arti? Accade che hanno la possibilità di godere di attività creative e laboratoriali d’indirizzo calibrate sulle reali esigenze del lavoro creativo ed artistico contemporaneo.”

I migliori artifici della comunicazione creativa, non appartengono al campionario delle cose già fatte (quella è comunicazione Accademica di “genere”), e non si trovano neanche nella scatoletta degli attrezzi dell’artista “non convenzionale”, esistono solo in potenza, vanno ricercati e sviluppati nel quotidiano, questo è oggi l’Alta Formazione Artistica, da Cagliari assente da sempre.

Alta Formazione Artistica vuole dire, stimolo di curiosità, stimolo di spirito d’osservazione, stimolo di capacità di ritagliare ed incorniciare scampoli del vissuto quotidiano, stimolo ad acquisire un atteggiamento culturale onnivoro ed appassionatamente aggiornato.

L’innovazione tecnologica, su cui naturalmente s’innesta, l’Alta Formazione Artistica è una naturale riserva creativa per processi e progetti di comunicazione artistica contemporanea non convenzionale.
La novità della tecnologia integrata, non è di per sé anticonvenzionale, anzi è strutturalmente conservatrice e manipolatrice, riesce ad essere creativamente fertile, soltanto se strutturata da studio, fatica e ricerca; tradotti in tempismo, ingegnosità ed istantaneità.

“L’innovazione tecnologica, su cui naturalmente s’innesta, l’Alta Formazione Artistica è una naturale riserva creativa per processi e progetti di comunicazione artistica contemporanea non convenzionale. La novità della tecnologia integrata, non è di per sé anticonvenzionale, anzi è strutturalmente conservatrice e manipolatrice, riesce ad essere creativamente fertile, soltanto se strutturata da studio, fatica e ricerca; tradotti in tempismo, ingegnosità ed istantaneità.”

Cagliari da qualche anno è scesa nelle piazze social e nelle piazze e nei luoghi reali, ha modificato strade, percorsi, piazze, traiettorie, arredo urbano, tutto in maniera invasivamente promozionale e pubblicitaria, quanto si è calcolato come questo potrebbe anche indurre atteggiamenti di rifiuto o disinteresse comunicativo?

Facilonistico, anche un certo approccio alla public art, che strizza l’occhio a subculture street sicuramente vitali ed energetiche, ma che mostrano un giovanilismo e ribellismo Cagliaritano di maniera, quasi untuoso, come se Cagliari oggi artisticamente possa essere soltanto street art.

“Facilonistico, anche un certo approccio alla public art, che strizza l’occhio a subculture street sicuramente vitali ed energetiche, ma che mostrano un giovanilismo e ribellismo Cagliaritano di maniera, quasi untuoso, come se Cagliari oggi artisticamente possa essere soltanto street art.”
Please follow and like us:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmailby feather