Zoom Capoterra: canile per la sicurezza!

“Trovai un cane abbandonato, non dimenticherò mai i suoi occhi, la raccolsi e portai a casa, era una femminuccia incinta, che da lì a poco partorì 6 cuccioli, l’ho abbracciata le dissi che d’ora in avanti sarebbe stata felice, con la promessa che appena possibile avrei aiutato altri animali.
Ciao Stella, ora e possibile”.
L’assessore al benessere animale di Capoterra
——————–
“Non è più utopia: #Capoterra avrà la sua oasi animale in grado di ospitare gli #animali abbandonati nel nostro territorio.
Un’impresa che a Capoterra sembrava impossibile.
Un’impresa che ci siamo prefissati di portare a termine sin dagli albori della campagna elettorale.
In neanche 100 giorni dal nostro mandato, per la prima volta nella storia del nostro Comune è stata istituita la delega assessoriale al benessere animale e per la prima volta, l’Amministrazione non solo manifesta la volontà di realizzare una struttura in grado di ospitare i nostri amici a quattro zampe, ma porta avanti tutte le azioni per realizzarlo.
In soli tre mesi, a discapito di chi ha avuto a disposizione anni e anni, abbiamo trovato la struttura in grado di ospitare gli animali abbandonati nel territorio, una struttura idonea a perseguire tale fine di pubblica utilità. Individuata la struttura, abbiamo fatto partire subito gli iter procedimenti per poterlo attivare nel più breve tempo possibile e per questo sono già partiti i lavori di adeguamento della struttura.
Per questa estate, nella Struttura Mariagò sita in Località Tanca Spano, con la gentile concessione del Cacip che ringraziamo, sorgerà il Canile e Gattile Comunale, tanto atteso e sperato per arginare il fenomeno del randagismo e favorire le adozioni.
Nel nostro territorio vengono segnalati quotidianamente cani e gatti randagi che circolano nel territorio comunale pregiudicando la sicurezza dei nostri amici a quattro zampe e la sicurezza dei nostri concittadini.
In tutti questi anni le Associazioni che si occupano di benessere animale hanno protocollato tantissime richieste di intervento e di aiuto al Comune, richieste disattese o peggio ancora cadute in un silenzio assordante.
Un’impresa, quasi un’utopia.
Eppure ora è realtà.
I randagi del nostro territorio verranno tolti dalla strada, avranno un luogo sicuro dove poter stare, un luogo che potrà essere la loro opportunità di essere adottati ed amati.
Voglio ringraziare per il lavoro che sta portando avanti l’Assessore con delega al Benessere Animale  e ringraziare tutte le Associazioni che si occupano di Benessere Animale perché non si sono mai persi d’animo nell’aiutare gli indifesi.”
Il Sindaco
——————-

 

E’ una scelta diversa da quella assunta dalla precedente amministrazione. Occorrerà il suo tempo, fondi, personale per la gestione, prima di vedere realizzato quanto annunciato sull’Unione Sarda.

In tempi di blocco delle assunzioni, patto di stabilità da rispettare, carenza di fondi, il problema del randagismo era stato affrontato in passato col ricorso ai canili convenzionati col ricovero dei cani e gatti abbandonati presso il Dog Hotel, esternalizzando la funzione amministrativa.

Oggi si decide per la internalizzazione.

Il tempo dirà quale delle due soluzioni sarà la piu’ efficiente ed efficace.

 

Giacomo Mallus