Zoom Capoterra: vorrei interrogare l’opposizione!

Zoom Capoterra: vorrei interrogare l’opposizione!

La questione bollette dell’acqua, sta facendo nascere in Via Diaz un Ufficio Tributi, pronto a raccogliere le istanze dei residenti per verificare la correttezza delle bollette!

Il primo cittadino dichiara:

“Non si possono avviare contestazioni solamente lamentandosi sui social delle bollette salate: ogni caso anomalo può essere verificato solo dopo proclamo formale”.

Per l’ex Sindaco Francesco Dessi:

“Gli uffici dovrebbero eseguire (come in passato) controlli più accurati su cartelle superiori alle 2000 euro: non è accettabile che un cittadino riceva una bolletta del servizio idrico da 24000 euro senza un confronto con l’interessato per comprendere le cause del consumo anomalo”.

Tramite il principale quotidiano isolano, l’unico candidato Sindaco di sinistra alle scorse comunali, rilancia un’interrogazione al primo cittadino, che dall’opposizione interroga l’opposizione!

Si avere capito bene l’unico consigliere comunale di sinistra in consiglio comunale, invece di vigilare criticamente verso la maggioranza, in un’ottica d’interesse comune, interroga il Sindaco sulla minoranza in quanto passata amministrazione.

Cosa chiede al primo cittadino?

Riferendosi a controlli su bollette intergalattiche:

“Vorrei sapere se la prassi di vagliare le bollette venisse veramente eseguita e se Sindaco e amministratori avessero autorizzazioni nel rispetto della privacy per poterlo fare”.

Non è meraviglioso?

Amministra Capoterra una maggioranza Sarda d’Azione a trazione leghista con venti20 e assessori di Fratelli d’Italia e Riformatori che candidati con Gianluigi Marras (il candidato Sindaco di centro destra alle scorse comunali) si sono spostati durante il ballottaggio: l’unico consigliere comunale di sinistra cosa fa dai banchi dell’opposizione?

Presenta al Sindaco un’interrogazione rivolta all’opposizione!

Zoom Capoterra: sinistra Pd in confusione a Capoterra?

Sulla questione dell’interrogazione rivolta al Sindaco, da parte di un congliere comunale che dice d’essere di sinistra, che siede tra i banchi dell’opposizione, ma interroga la maggioranza per attaccare l’opposizione, intervisto il socialista Silvano Corda:

“Il candidato Sindaco del Pd, alle scorse comunali, mi pare in stato confusionale, confonde come l’attuale maggioranza la politica dei fatti (da rendicontare al proprio elettorato, nel suo caso un 10% che ritiene d’essere di sinistra) con il chiacchiericcio dei social, mi fa piacere che sia diventato un assiduo lettore di #zoomcapoterra, non capisco perché non interagisca in una modalità più cooperativa, in fondo siamo entrambi all’opposizione, potrebbe anche mettere tranquillamente “mi piace” ai miei post, c’è stato un tempo dove era socialista come me, non ci sarebbe nulla di male.

Detto questo, l’ufficio preposto all’interazione con le bollette salate dei cittadini, è in fondo un nostro successo, almeno adesso invece di lamentarsi in un gruppo chiuso Facebook, potranno andare direttamente a lamentarsi negli uffici preposti, sono molto contento, questo rende plastico ed evidente, quanto sia importante che l’opposizione faccia il suo lavoro in consiglio comunale (e diciamola tutta, anche via Facebook).”