Roberto Scala with Jake Chapman

Nel 2022 si è maturata la collaborazione con il noto artista Jake Chapman della British young Arts UK, realizzando sotto le dovute istruzioni questo eccellente Diorama dal titolo Hill souvenir by Signed Robert Scala

Solo show Garage gallery Scala i. Milano Italy

Michelangelo Pistoletto hanno incendiato la Venere degli stracci a Napoli

Il grande danno e dell’arte contemporanea hanno commesso un atto vandalico che va punito le fiamme hanno sciolto la statua posizionata a piazza Municipio lo scorso 28 giugno 2023, nell’ambito del programma del Comune «Napoli Contemporanea», riducendo in cenere gli indumenti vecchi che la «adornavano». Per domare il rogo, sulla cui origine si indaga, sono intervenuti vigili del fuoco. ,L’artista stesso è scosso: quanto accaduto «riflette situazione drammatica nostro tempo», dichiara. Si risponde a qualsiasi proposta di bellezza e pace con fuoco e guerra. Una vera vergogna per la città di Napoli per il turismo, un vero presagio che potrebbe far eruttare il Vesuvio di Napoli.

Speriamo che sia assicurata da fare pagare così i danni ai colpevoli.

Le tavole anatomiche di Umberto Boccioni!

Le tavole anatomiche di Umberto Boccioni!

Ho sognato d’essere con Ross, mi mostrava un libro di sua proprietà rarissimo, un libro di tavole anatomiche d’Umberto Boccioni.
Mostrandomelo, mentre lo sfogliavo, mi palesava la sua tristezza per la sua morte, anche se io pensavo: “ma Umberto Boccioni è morto nel 1916, cosa.mi sta dicendo?”.

Come sempre indago gli archetipi:

I sogni in cui l’anatomia umana è generalmente presentata come protagonista, simboleggiano un cambiamento fondamentale che sta avvenendo, questi sogni possono essere avvertimenti su problemi di salute o indicare uno stato di stanchezza: potrebbe essere necessario tirare fuori qualcosa dal sistema, cambiare le nostre abitudini, trasferirci in un altro posto, o lasciare andare qualcuno.

Tutto chiaro, ciò che non capisco è l’annuncio della morte d’Umberto Boccioni: secondo le interpretazioni degli antichi, la morte nei sogni prometteva della nozze felici e durature, annunciava l’arrivo di un tempo propizio per tutte le cose, oppure faceva sperare una lunga vita, fortuna e ricchezza.

In servizio nel cantiere!

In servizio nel cantiere!

Ho sognato che stavo prendendo servizio in un nuovo Liceo, che era in uno spazio storico che si stava ristrutturando, c’era quindi un via vai di colleghi, collaboratori e operai, io sapevo d’avere la classe prima D, ma per raggiungerla dovevo salire su delle scale a muro rimovibili, non parevano esserci le scale per salire ai piani superiori, nel tentare di salire, faccio cadere inavvertitamente una Coca Cola poggiata su un piede della scala da un operaio.

Ricordo un collega in particolare nel sogno, alto, stempiato, con pochi capelli sul rosso e occhiali quadrati dalla montatura fine, con uno spolverino.

Questo sogno, stavolta l’ho ricordato, ma l’ho fatto identico, o con pochissime varianti, qualche settimana fa, rimuovendolo interamente. 

Indago gli archetipi simbolici:

Sognare di essere in un cantiere dimostra che le competenze sono tante e ora è il momento di valorizzarle. 

Le cose sono a volte più semplici di quanto pensiamo. Ci sono semplicemente questioni che il destino decide. 

Sognare di essere in un cantiere indica che la cerchia sociale si allargherà molto se vi impegnate, soprattutto al lavoro. 

L’organizzazione sarà la chiave del successo.

Lavorare sodo ogni giorno e non gettare la spugna, qualunque cosa accada, attenzione a non spendere troppo, bisogna controllare le proprie spese. 

Attenzione agli sbalzi d’umore.

Salire una scala, denuncia il desiderio o il bisogno di raggiungere una meta o di elevarsi dalla propria condizione attuale. 

Il movimento della salita nella scala nei sogni viene associato anche al processo di individuazione.

Sognare coca cola: questa bevanda nei sogni rappresenta questo ambiente, essendo una delle bevande analcoliche più consumate dalle persone. Pertanto, è legato alla vita di molte persone e all’occupazione. Inoltre, è una delle poche bevande analcoliche che sembra causare qualche genere di dipendenza nelle persone, che hanno bisogno di berla costantemente, può essere correlata a un atteggiamento squilibrato. 

In altre parole, mi concentro sulla professione in modo esagerato e non presto la necessaria attenzione ad altre aree della vita.

Basilea 2023 : Art Basel, Art Unlimited, Liste, Design Miami/Basel e Fondazione Beyeler

Si è tenuta dal 15 al 18 giugno Art Basel da tutti riconosciuta, a ragione, la più importante Fiera d’arte contemporanea del mondo. L’edizione 2023 è stata la prima guidata dal nuovo CEO Noah Horowitz. 284 tra le più importanti gallerie del mondo si sono date appuntamento a Basilea riuscendo a portare nel tempio della finanza non solo opere dall’incommensurabile valore economico ma riuscendo ad affiancare al fianco dei grandi maestri e gli enfant prodige dell’arte contemporanea degli Artisti più giovani e dalle quotazioni ancora accessibili e con lavori in anticipo sui tempi, almeno sotto certi aspetti.

Impossibile pensare di poter concentrare in un solo giorno la visita alla kermesse svizzera riuscendo a visitare con attenzione tutti gli stand e gli ottimi eventi collaterali, tra cui spicca la mostra alla Fondazione Beyeler che vede esposte le opere dipinte da Jean-Michel Basquiat durante il periodo di residenza a Modena dal Gallerista Emilio Mazzoli nel 1982 e le meravigliose installazioni dell’artista visiva e scultrice di origine colombiana Doris Salcedo, e due per le interessanti fiere collaterali.

Dividere il soggiorno in almeno tre giornate permette di poter visionale con una relativa tranquillità Art Basel e decomprimersi da una full immersion di lavori esposti che, già per se, dopo la visita a un padiglione rende quasi impossibile potersi gustare e apprezzare quelle dell’altro padiglione.

Art Basel che merita una visita imperdibile soprattutto per la sezione Unlimited Projects, una vera e propria riproposizione di quello che può essere la visita a una delle più importanti Biennali d’Arte Contemporanea sparse per il pianeta e dove spicca tra i Lavori esposti l’installazione interattiva di Monica Bonvicini “Never Again” (Galerie Peter Kilchmann, Galerie Krinzinger, Tanya Bonakdar Gallery).

Monica Bonvicini “Never Again”

La video proiezione “Practice” del 2022 di Bruce Nauman ( Konrad Fischer) già Vincitore del Leone d’Oro alla carriera alla Biennale di Venezia nel 1999, “Topa” l’installazione neon dell’americano Jason Rhoades.

Jason Rhoades, Topa, 2005

L’irriverente performance “Ménage de la maison” dell’Artista tedesco Olaf Nicolai (Eigen + Art).

Olaf Nicolai, Ménage de la maison, 2022

A far da regina a questa edizione 2023 è stato senza dubbio il Lucio Fontana a ventiquattro tagli proposto da Tornabuoni Arte meta di un continuo peregrinaggio di visitatori in fila per potersi scattare una foto con l’opera sullo sfondo.

Lucio Fontana, Concetto spaziale con 24 tagli, Tornabuoni Arte

Tra l’altro Opera così bella da far passare in secondo piano le altre due tele tagliate, sempre a sfondo rosso, esposte al suo fianco. Fontana che si conferma “artistar 2023” anche per il “Concetto Spaziale” del 1961 proposto da LGDR.

Lucio Fontana, Concetto Spaziale, 1961, LGDR

Tra le tante opere proposte in fiera mi piace soffermarmi su Julius von Bismarck (Sies + Höke Galerie) un artista di cui sentiremo certamente sempre più parlare nei prossimi tempi.

Julius von Bismarck e una foto dell´opera. Courtesy the artist (Alexander Levy -Berlin, Sies + Höke -Düsseldorf)

Le deliziose opere di Matgorzata Mirga-Tas (Foksal), altra artista che dopo la presenza alla Biennale di Venezia 2022 proposta nel Padiglione della Polonia si sta ritagliando sempre maggiori spazi sul palcoscenico internazionale.

Matgorzata Mirga-Tas, Chave Jawle Wasio Thud, 2023, Foksal

Altri lavori degni di menzione sono l’installazione di Ulla von Brandenburg “Mäschen mit Hund” del 2023 (Galerie Art : Concept),

Ulla von Brandenburg Mäschen mit Hund, 2023 – www.galerieartconcept.com

Il dipinto di Juan Araijo “La Tourette II” del 2019 (Stephen Friedman Gallery).

Juan Araijo, La Tourette II, 2019 – Stephen Friedman Gallery

Un incredibile “Homage to the Square” di Josef Alber (Vedovi Gallery).

Josef Albers Vedovi Gallery

La fotografia dell’artista fotografico norvegese Torbjørn Rødland (Standard) che sembra essere un omaggio alla mia terra, la Romagna, recentemente colpita da una tremenda alluvione.

Torbjørn Rødland – Standard (Oslo)

A Design Miami/Basel è impossibile non citare lo stand della Galerie Meubles et Lumières con il letto del 1969 di René Blanchard e la sala da pranzo di Jean-Pierre Laporte.

Lit de René Blanchard
Jean-Pierre Laporte Diabolo

Tra le fiere collaterali mi piace ricordare in particolar modo LISTE con “Whistlers” l’installazione di Tomoko Sauvage che accoglie i visitatori all’ingresso e le opere di Isadora Vogt (Sundy) a farla da padrone.

Tomoko Sauvage – Whistlers

 

Isadora Vogt, Rossfest, 2023

Art Basel si conferma un appuntamento imprescindibile, come faremo a conservare una memoria di questi artisti senza seguirli puntualmente in Fiere ed esposizioni pubbliche/private in personali o collettive, e non resta che augurarsi di poter ammirare tanti dei Bravi artisti esposti/scoperti in Fiera alla prossima Biennale di Venezia 2024.

Roberto Brunelli, collezionista e autore di Anninovanta 1990-2015. Un percorso nell’arte italiana, Gli Ori Editori Contemporanei.

Cornetto al cioccolato!

CagliariArtMagazine riparte da qui, da un blog connettivo, dopo numerosi attacchi Hacker, riparte da zero, a tal proposito cominciamo subito:

Cosa ho sognato ieri notte?

D’essere in giro a Cagliari con una mia seconda di quest’anno, con una studentessa che a un certo punto, m’offriva un cornetto al cioccolato, che accettavo e mangiavo.

Col tempo annotandomi i sogni, sto anche codificando gli archetipi, la studentessa in questione, è persona di grande fiducia e affidabilità, nel mondo onirico come in quello reale.

Non mangio cornetti al cioccolato, ma chiaramente il linguaggio dei sogni e fondato su archetipi collettivi da leggere in chiave simbolica:

Cosa vorrebbe dire il cornetto al cioccolato?

Affrontare problemi che richiederanno molto, assorbiranno l’attenzione e necessiteranno di parecchio controllo emotivo.

Altra interpretazione è l’esperienza di alcuni scontri nelle relazioni amorose o tra amici.

Devo rimanere calmo durante questo periodo per evitare grandi lotte e rotture.

Sognare di mangiare cornetto al cioccolato indica un ruolo fondamentale in un importante progetto imminente, necessita restare lucido anche nella foga del momento.

Serve analizzare attentamente ogni strana situazione che può presentarsi durante il giorno.

Non dimenticare di passare un tempo con la tua famiglia.

Non lasciarsi mettere sotto pressione da niente e nessuno.

P.S. CagliariArtMagazine come esisteva prima non esiste più, ora è un blog personale, che si prefigge d’indagare i significati simbolici, alchemici, esoterici e onirici dell’arte contemporanea.

mimmodicaterino@cagliariartmagazine.it